Lun10152018

Aggiornamento:09:23:12

Back L'altro pedale Pista Mondiali Pista: l’Italia vola a quota 6 medaglie!

Mondiali Pista: l’Italia vola a quota 6 medaglie!

 

 

La festa azzurra continua anche nella terza giornata e assume le dimensioni del trionfo. L’Italia sei volte sul podio di un mondiale élite sembra un sogno. Ma è la realtà di un movimento che in questi ultimi anni è lievitato sull’onda dell’entusiasmo. La terza giornata della rassegna iridata porta altre due medaglie di pregio in due discipline olimpiche. Le giovani azzurre Maria Giulia Confalonieri Letizia Paternoster conquistano uno splendido bronzo nel madison, specialità inserita di recente nel programma mondiale.

Le azzurre hanno acceso la gara fin da subito facendosi protagoniste di sprint e conquistando punti importanti nella prima parte della corsa alle spalle della formidabile coppia britannica Katie Archibald -Emily Nelson, che non perde un colpo. Al termine con 50 punti la Gran Bretagna precede l’Olanda (Kirsten Wild - Amy Pieters), argento con 35 punti. Ma le azzurre hanno corso senza mai perdere la bussola, con l’obiettivo preciso di salire sul podio e ci sono riuscite nonostante il digiuno nell’ultimo sprint a punteggio doppio vinto dalla Danimarca, che si è portata a sole due lunghezze dall’Italia, terza con 20 punti.

“Abbiamo commesso alcuni errori nei cambi e contro nazioni di livello come Gran Bretagna e Olanda non te lo puoi permettere – dice il Ct Salvoldi –, così abbiamo puntato al bronzo e sono felicissimo per le mie ragazze. Nelle specialità olimpiche di endurance abbiamo conquistato due bronzi e per un solo punto non siamo saliti sul podio con Elisa Balsamo nell’omnium. Abbiamo in campo il gruppo più giovane di tutte le nazioni, possiamo essere contenti e fiduciosi”.

La sesta medaglia viene da Simone Consonni nell’omnium, specialità che Elia Viviani ha glorificato con la vittoria di Rio, inaugurando in pratica il nuovo corso che sta regalando tante soddisfazioni. Consonni conferma il suo talento polivalente salendo sul terzo gradino del podio a conclusione di una battaglia durissima. L’oro va al polacco Szymon Sajnok con 111 punti, argento all’olandese Jan Willem Van Schip con 107 punti, l’azzurro chiude con 104 punti davanti a Ivo Oliveira (94 punti), il portoghese che ha stupito tutti nell’inseguimento duellando a livello stellare con Filippo Ganna.

Questi i piazzamenti di Consonni: 6° nello scratch, 5° nella gara a tempo, 3° nell’eliminazione, 3° nella classifica finale.

L'orgoglio del CT Villa: "Sono molto contento per Simone. Lo scorso anno era partito nell'ultima prova in zona medaglia ed aveva finito al quarto posto. La delusione era tanta. Ma quest'anno questo bronzo lo ha conquistato con un grande cuore ma ha lottato fino alla fine per il tutolo iridato. E questo è un segnale evidente che è una gara dove Simone può fare bene e considerando che è una disciplina olimpica per me è motivo di grande orgoglio"

Nelle altre gare della giornata, da elogiare la prestazione di Miriam Vece nei 500 metri contro il tempo: 15^ in 34”888. Titolo alla tedesca Miriam Welte in 33”150, argento alla russa Daria Shmeleva (33”237), bronzo all’olandese Elis Ligtlee.

Brave anche Silvia Valsecchi e Martina Alzini nell’inseguimento individuale, rispettivamente ottava in 3’35”395 e dodicesima in 3’36”692. La gara è stata caratterizzata dalle mostruose performance della statunitense Chloe Dygert, capace di polverizzare il record del mondo nelle qualificazioni con 3’20”072 e di migliorarlo ancora nella finale stravinta in 3’20”060 annientando l’olandese Annemiek Van Vleuten, raggiunta prima del termine- Bronzo all’altra statunitense Kelly Catlin in 3’34”658.

Ultima nota: l’oro della velocità maschile è vinto dall’australiano Matthews Glaetzer davanti al britannico Jack Carlin. Terzo il francese Sebastien Vigier.

 

500 MT DONNE

QUALIFICAZIONI

  1. Shmeleva Daria (Rus) 33”256
  2. Welte Miriam (Ger) 33”433
  3. Grabosch Pauline Sophie (Ger) 33”523
  4. Ligtlee Elis (Ola) 33”557
  5. Starikova Olena (Ucr) 33”613
  6. Lamberink Kyra (Ola) 33”888
  7. Marchant Katy (Gbr) 33”893
  8. Calvo Barbero Tania (Spa) 33”924
  9. Lee Wai Sze (Hkg) 34”001
  10. Basova Liubov (Ucr) 34”082
  11. Bayona Pineda Martha (Col) 34”266
  12. Salazar Valles Jessica (Mex) 34”405
  13. Casas Roige Helena (Spa) 34”535
  14. Verdugo Osuna Yuli (Mex) 34”781
  15. Vece Miriam (Ita) 34”888
  16. Kim Wongyeong (Cor) 35”102
  17. Marquardt Mandy (Usa) 35”148
  18. Hoi Yan Jessica (Hkg) 35”220
  19. Song Chaorui (Cina) 35”333
  20. Deborah Deborah (Ind) 35”706
  21. Ma Wing Yu (Hkg) 36”597
  22. Morton Stephanie (Aus) DNF

FINALE

  1. Welte Miriam (Ger) 33”150
  2. Shmeleva Daria (Rus) 33”237
  3. Ligtlee Elis (Ola) 33”484
  4. Grabosch Pauline Sophie (Ger) 33”487
  5. Starikova Olena (Ucr) 33”609
  6. Calvo Barbero Tania (Spa) 33”996
  7. Lamberink Kyra (Ola) 34”179
  8. Marchant Katy (Gbr) 34”242

 

VELOCITÀ UOMINI

SEMIFINALI

  1. 1. Carlin Jack (Gbr); 2. Levy Maximilian (Ger)
  2. 1. Glaetzer Matthew (Aus), 2. Vigier Sebastien (Fra)

FINALE 1-2: 1. Glaetzer Matthew (Aus); 2. Carlin Jack (Gbr);

FINALE 3-4: 3. Vigier Sebastien (Fra); 4. Levy Maximilian (Ger)

INSEGUIMENTO DONNE

QUALIFICAZIONI

  1. Dygert Chloe (Usa) 3’20”072 - record del mondo
  2. Van Vleuten Annemiek (Ola) 3’29”319
  3. Brennauer Lisa (Ger) 3’32”485
  4. Catlin Kelly (Usa) 3’33”084
  5. Kaczkowska Justyna (Pol) 3’33”675
  6. James Kirstie (Nzl) 3’34”150
  7. Dickinson Eleanor (Gbr) 3’34”507
  8. Valsecchi Silvia (Ita) 3’35”395
  9. Nelson Emily (Gbr) 3’35”519
  10. Stock Gudrun (Ger) 3’36”438
  11. Foreman-Mackey Annie (Can) 3’36”475
  12. Alzini Martina (Ita) 3’36”692
  13. Botha Bryony (Nzl) 3’38”065
  14. Borras Marion (Fra) 3’38”392
  15. Gibson Kinley (Can) 3’39”328
  16. Pensaari Pia (Fin) 3’39”517
  17. Dom Annelies (Bel) 3’40”781
  18. Savenka Ina (Blr) 3’40”882
  19. Hashimoto Yuya (Giap) 3’43”676
  20. Le Net Marie (Fra) 3’44”023
  21. Rozynska Nikola (Pol) 3’51”359
  22. Yang Qianyu (Hkg) 3’55”709

FINALE 1-2: 1. Dygert Chloe (Usa) 3’20”060 - record del mondo; 2. Van Vleuten Annemiek (Ola) DNF

FINALE 3-4: 3. Catlin Kelly (Usa) 3’34”658; 4. Brennauer Lisa (Ger) 3’35”920

 

MADISON DONNE

  1. GRAN BRETAGNA (Archibald Katie, Barker Elinor) 50
  2. OLANDA (Wild Kirsten, Pieters Amy) 35
  3. ITALIA (Paternoster Letizia, Confalonieri Maria Giulia) 20
  4. DANIMARCA (Dideriksen Amalie, Schmidt Trine) 18
  5. RUSSIA (Novolodskaya Maria, Zabelinskaya Olga) 14
  6. MESSICO (Arreola Navarro Sofia, Salazar Vazquez Lizbeth Yareli) -15
  7. FRANCIA (Berthon Laurie, Demay Coralie) -19
  8. UCRAINA (Solovei Ganna, Nahirna Anna) -20
  9. IRLANDA (Boylan Lydia, Gurley Lydia) -20
  10. GERMANIA (Kasper Romy, Kullmer Lisa) -40
  11. SVIZZERA (Mettraux Lena, Seitz Aline) -40
  12. BELGIO (D'Hoore Jolien, Bossuyt Shari) - 40
  13. NUOVA ZELANDA (Drummond Michaela, Sheath Racquel) -60
  14. POLONIA (Pikulik Wiktria, Plosaj Nikol) - 60
  15. STATI UNITI (Geist Kimberly, Zubris Kimberly Ann) -60

 

OMNIUM UOMINI

1^ prova (scratch): 1. Van Schip Jan Willem (Ola); 2. Hashimoto Eiya (Giap); 3. Holloway Daniel (Usa); 4. Volikakis Christos (Gre); 5. Imhof Claudio (Svi); 6. Consonni Simone (Ita); 7. Thomas Benjamin (Fra); 8. Tsishkou Raman (Blr ); 9. Beyer Maximilian (Ger); 10. Oliveira Ivo (Por); 11. Sajnok Szymon (Pol);12. Wood Oliver (Gbr); 13. Stewart Campbell (Nzl); 14. Torres Barcelo Albert (Spa); 15. De Vylder Lindsay (Bel); 16. English Felix (Irl); 17. Contte Tomas (Arg), 18. Larsen Niklas (Dan); 19. Stash Mamyr (Rus); 20. Caves Aidan (Can); 21. Prado Juarez Ignacio (Mex); 22. Gladysh Roman (Ucr); 23. Pietrula Nicolas (Cze); 24. Leung Chun Wing (Hkg);

2^ prova (gara a tempo) 1. Oliveira Ivo (Por) 25; 2. Sajnok Szymon (Pol) 25; 3. Stewart Campbell (Nzl) 25; 4. Prado Juarez Ignacio (Mex) 25; 5. Consonni Simone (Ita) 23; 6. Stash Mamyr (Rus) 22; 7. Tsishkou Raman (Blr ) 21; 8. Beyer Maximilian (Ger) 21; 9. Gladysh Roman (Ucr) 20; 10. Wood Oliver (Gbr) 3; 11. Volikakis Christos (Gre) 1; 12. Thomas Benjamin (Fra) 1; 13. Caves Aidan (Can) 1; 14. Van Schip Jan Willem (Ola) 0; 15. Larsen Niklas (Dan) 0; 16. Holloway Daniel (Usa) 0; 17. English Felix (Irl) 0; 18. Imhof Claudio (Svi) 0; 19. Torres Barcelo Albert (Spa) 0; 20. De Vylder Lindsay (Bel) 0; 21. Contte Tomas (Arg) 0; 22. Hashimoto Eiya (Giap) 0; 23. Leung Chun Wing (Hkg) 0; 24. Pietrula Nicolas (Cze) 0.

3^ prova (eliminazione):1. Sajnok Szymon (Pol); 2. Van Schip Jan Willem (Ola); 3. Consonni Simone (Ita); 4. Imhof Claudio; 5. Gladysh Roman (Ucr); 6. Tsishkou Raman (Blr ), 7. Thomas Benjamin (Fra); 8. Stewart Campbell (Nzl); 9. Stash Mamyr (Rus); 10. Larsen Niklas (Dan); 11. Torres Barcelo Albert (Spa); 12. Prado Juarez Ignacio (Mex); 13. Hashimoto Eiya (Giap); 14. De Vylder Lindsay (Bel); 15. Wood Oliver (Gbr); 16. Holloway Daniel (Usa); 17. Volikakis Christos (Gre); 18. Beyer Maximilian (Ger); 19. Contte Tomas (Arg); 20. Leung Chun Wing (Hkg); 21. Caves Aidan (Can); 22. English Felix (Irl); 23. Oliveira Ivo (Por); 24. Pietrula Nicolas (Cze)

4^ prova (corsa a punti) – CLASSIFICA FINALE: 1. Sajnok Szymon (Pol) p. 111; 2. Van Schip Jan Willem (Ola) p. 107; 3. 3. Consonni Simone (Ita) p. 104, 4. Oliveira Ivo (Por) p. 94; 5. Stewart Campbell (Nzl) p. 93; 6. Wood Oliver (Gbr) p. 90; 7. Tsishkou Raman (Blr ) p. 87; 8. Larsen Niklas (Dan) p. 86; 9. Thomas Benjamin (Fra) p. 83; 10. Hashimoto Eiya (Giap) p. 82

 

MEDAGLIE AZZURRE

Filippo Ganna – Oro inseguimento individuale

Michele Scartezzini – Argento Scratch

Simone Consonni, Filippo Ganna, Liam Bertazzo e Francesco Lamon – Bronzo Inseguimento a squadre maschile

Elisa Balsamo, Tatiana Guderzo, Letizia Paternoster, Silvia Valsecchi e Simona Frapporti – Bronzo Inseguimento a squadre donne

Maria Giulia Confalonieri e Letizia Paternoster – Bronzo Madison

Simone Consonni – Bronzo Omnium