Ven12132019

Aggiornamento:12:01:39

Back Strada Gare 37° Mundialito Morro d’Oro, hurrà per Pisani, D’Ascenzo, Campili e Ciuffini

37° Mundialito Morro d’Oro, hurrà per Pisani, D’Ascenzo, Campili e Ciuffini

 

 

È stata, anche quest’anno, una bella mattinata di sport e di divertimento. Si è svolta a Morro d’Oro, l’edizione numero 37 del Mundialito Open di ciclismo. La gara amatoriale, bene organizzata dall’associazione Spiga d’Oro di Giuseppe Palladini, ha assegnato le maglie iridate di ogni categoria davanti a una bella cornice di pubblico.  Sono stati 150 gli atleti che hanno preso parte al Mundialito 2019, il cui percorso (partenza e arrivo a Morro d’Oro), di 24 chilometri complessivi, si è snodato attraverso Cologna Paese, Santa Lucia di Roseto e Pagliare di Morro d’Oro e ha avuto un chilometraggio diverso in base alle categorie in gara e alle fasce d’età. Gli iscritti tra i 19 e i 44 anni hanno effettuato quattro giri per un totale di 96 km; quelli tra i 45 e i 59 anni si sono cimentati in tre giri (72 km) mentre i ciclisti dai 60 anni in su, le donne della categoria Master e gli atleti paralimpici hanno percorso due giri (48 km).

 

Nella prima gara, di 96 km, il successo è andato al corridore di Sora Vincenzo Pisani (Asd Euronix Team); nella seconda gara, di 72 km, a transitare per primo sul traguardo è stato il ciclista di Bellante Wladimiro D'Ascenzo (Gc Omm-Melania-Faleria) mentre la terza gara, di 48 km, ha visto prevalere il pescarese Michele Campili (Asd Angelini Cycling Team).
Tra le donne, la vittoria è andata all’aquilana Chiara Ciuffini (Team Isolmant-Specialized); tra gli atleti paralimpici primo posto per il pugliese Geremia Parrotto (Team Calcagni) e, nel tandem, per la coppia formata da Franco Magli e Daniele Bolognesi (Asd Ciclistica Due Torri). 
Prima della partenza è stata deposta una corona d’alloro in ricordo delle vittime della catastrofe mineraria di Marcinelle dell’agosto 1956. A differenza dell’edizione dello scorso anno, ieri non sono stati assegnati i titoli di campione regionale Acsi, che verranno invece messi in palio domenica 25 agosto, ad Ancarano, in occasione del secondo Gran Premio Coppa Ancaria.

 

 

Ordine d’arrivo. Prima gara, 96 km: 1° Vincenzo Pisani (Asd Euronix Team) in 2h11’28” alla media di 43,81 km/h; 2° Sirio Sistarelli (Asd Nuovo Pedale Fermano) a 9”; 3° Nicolò Di Gaetano (Asd Team Go Fast) st; 4° Fabio Orcame (Team Cesaro Falasca Greco) a 13”; 5° Manuel Ciutti (Team Go Fast) a 15”; 6° Giorgio Anselmicchio (Colnago Mg-K Vis) a 24”; 7° Aurelio Di Pietro (Team Go Fast) a 3’27”; 8° Adriano Angeloni (Gs Ciclotech) st; 9° Angelo Vito Battaglia (Gs Murolo) st; 10° Massimo Iannetti (Asd Team Valle Siciliana) a 3’28”.
Seconda gara, 72 km: 1° Wladimiro D’Ascenzo (Gc Omm-Melania-Faleria) in 1h43’44” alla media di 41,64 km/h; 2° Luisiano Cannizzaro (Usc Team Nardecchia) a 11”; 3° Gianpietro D'Antuoni (Asd Bike Squad San Severo) a 57”; 4° Marino Marcozzi (Team Studio Moda) st; 5° Luigi Severino Balzano (Gs Murolo) a 1’16”.
Terza gara, 48 km: 1° Michele Campili (Asd Angelini Cycling Team) in 1h13’49” alla media di 39,01 km/h; 2° Franco Martinelli (Team L’Aquila Bike) a 8”; 3° Francesco Segolini (Asd Velo Club Assisi Bastia Racing) a 11”; 4° Alfonso Capone (Team Pro Bike Teramo) a 12”; 5° Graziano Verdini (Gc Omm-Melania-Faleria) a 18”.

 

Gaetano Lombardino - Il Centro

foto Bruno Di Fabio