Lun07222024

Aggiornamento:11:21:34

Back Archivio Vetrina - Eventi GS Cosmo Cinque: grande festa per il 50°anniversario dalla fondazione

GS Cosmo Cinque: grande festa per il 50°anniversario dalla fondazione

 

 

In occasione della ricorrenza dei 50 anni dalla fondazione del GS Cosmo Cinque Ceprano, alcuni ex ciclisti del glorioso sodalizio che fu protagonista nella scena laziale negli anni a cavallo fra la fine degli anni ’60 e gli anni ’80, hanno organizzato un raduno per rivedersi e ricordare le gesta dei corridori che vestirono la gloriosa maglia azzurra del club. In molti hanno aderito alla giornata ideata da Mauro Ferri e Fiermonte Merolle, che ha avuto un prologo mattutino con una messa nella chiesa della Madonna della Vittoria ad Isoletta d’Arce per ricordare i fondatori della squadra Armando Mastromattei, Vittorio e Cosmo Cinque. Dopo il rito religioso un omaggio alle tombe di Cosmo e Vittorio Cinque nel cimitero di Isoletta e quindi il trasferimento a Carnello di Arpino nei locali della Locanda Mingonedi Massimo Viscogliosi , anche lui ex corridore del GS Cosmo Cinque, per proseguire il suggestivo amarcord. Al microfono a guidare la scaletta di giornata Fiermonte Merolle che ha chiamato gli ex ciclisti presenti per ricordare i tanti aneddoti della storia del GS Cosmo Cinque. In sala facevano bella mostra foto, ritagli di giornali, maglie e biciclette dell’epoca, il tutto per rendere più vivo il ricordo delle gesta dei tanti ragazzi guidati da Vittorio Cinque . Commossi e felici i membri della famiglia Cinque presenti all’evento che hanno ringraziato per l’affetto verso Cosmo e Vittorio al pari di Antonio e Renato Mastromattei , figli di Armando che fu per lungo tempo presidente del sodalizio di Ceprano. A portare il saluto della Federazione Ciclistica Italiana c’erano il presidente del CP Frosinone Lucio Parravano ed il vice presidente del CR Lazio Tony Vernile entusiasti per la suggestiva giornata che rende merito ad una società che ha tracciato nel tempo luminosa storia del ciclismo laziale e ciociaro che nessuno dimenticherà mai.

Giovanni Maialetti - FCI Lazio