Lun04152024

Aggiornamento:06:40:39

Back Archivio Vetrina - Eventi Ottima riuscita per il convegno tecnico dei giudici FCI Emilia Romagna che apre la stagione 2024

Ottima riuscita per il convegno tecnico dei giudici FCI Emilia Romagna che apre la stagione 2024

 

 

Ottima riuscita per il Convegno Tecnico Regionale che apre la stagione 2024Grande partecipazione per il Convegno Tecnico Regionale dei Giudici di Gara dell’Emilia-Romagna svoltosi domenica scorsa a Bologna, tradizionale appuntamento per tirare le somme dell’attività svolta e per focalizzarsi sugli obiettivi dell’imminente stagione: impegno, formazione continua e professionalità. In apertura i saluti del Consigliere Regionale Matteo Baldissarri che ringraziando tutti i giudici della regione ha sottolineato la riconoscenza di tutto il Comitato Regionale emiliano-romagnolo alla categoria per l’attività svolta sui campi di gara. Il Consigliere CRER Nicola Dalmonte, referente per i Giudici di gara ha sottolineato la sintonia costruita con la CRGG composta dal presidente Giulia Laghi e dai suoi componenti Alessia Fantoni ed Angelo Ancarani. Il Vice Presidente CRER Franco Chini ha evidenziato come tra le crescenti difficoltà burocratiche ed organizzative si sia riusciti ad allestire calendari sempre più folti, grazie anche ad un forte impegno del CRER ad aumentar ulteriormente la qualità organizzativa delle manifestazioni ciclistiche.L’eccezionale presenza della Commissione Nazionale Giudici di Gara dal Presidente Gianluca Crocetti ai componenti: l’emiliano Gabriele Rigoletti, Federica Guarniero e Gianluca Menicucci ha dato ancora maggior lustro all’evento. I lavori sono iniziati con le precise ed interessati relazioni sul ruolo della giuria nelle gare su strada tenute da Giudici di Gara Formatori FCI, in particolare Nicola Borghi ha trattato delle specifiche mansioni del Presidente di Giuria, Gabriele Dainelli ha relazionato sul Giudice in Moto mentre a Matteo Ascari è stata affidata la trattazione del Giudice d’arrivo.Il convegno è poi continuato con l’esposizione delle novità regolamentari più rilevanti per la stagione 2024 tenuta da Alessia Fantoni, seguita dagli interventi di Sergio Mezzini ( Giudice Sportivo Regionale) sull’omologazione delle gare e di Raffaele Babini, responsabile della CRDCS. Apprezzata la relazione della Presidente della Commissione Regionale Giudici, Giulia Laghi, che ha ringraziato i colleghi per la passione e l’impegno profuso per coprire le 248 manifestazioni della stagione 2023 di un calendario vario che spazia su tutte le discipline e necessita quindi di adeguata preparazione. La formazione continua è infatti un punto focale dell’attività della CRGG in questi anni, sia attraverso riunione specifiche, che interprovinciali, che attraverso il tutoraggio sul campo. All’alba del suo ultimo anno di mandato emerge la soddisfazione di poter contare su un gruppo coeso di 50 colleghi in ruolo che si dedicano con passione ed umiltà a quest’attività, così da poter offrire un servizio di alta qualità in tutte le tipologie di manifestazioni, dalle gare giovanili alle manifestazioni di primo livello, sia in campo nazionale che internazionale, le quali vedono i giudici emiliano-romagnoli sempre più impegnati. Come ricordato infatti sia da Laghi che da Gabriele Rigoletti per la CNGG, l’impegno e la voglia di fare portano a raccogliere ottimi frutti e risultati. Nell’intervento del Presidente CNGG Crocetti il riconoscimento e l’apprezzamento per gli ottimi risultati conseguiti dalla CRGG in particolare in termini di reclutamento e formazione (14 nuovi giudici negli ultimi 3 anni), nonché a tutto il gruppo dei giudici di gara emiliano-romagnoli, forte di giovani e preparati elementi che stanno crescendo e mettendosi in luce anche a livello nazionale. Gabriele Rigoletti ricordava inoltre l’importanza di mantenere alta la motivazione e la professionalità nello svolgimento delle mansioni del giudice di gara, a qualsiasi livello.Con una compagine unita e motivata ad affrontare una nuova annata ciclistica il Consigliere Baldissarri ha chiuso il Convegno con un nuovo attestato di stima nei confronti di tutti i giudici di gara.