Lun12052022

Aggiornamento:09:59:01

Back Strada Gare Garcia Cortina, l’attesa è finita! Allo spagnolo della Movistar il 106°GranPiemonte

Garcia Cortina, l’attesa è finita! Allo spagnolo della Movistar il 106°GranPiemonte

 

 

Ivan Garcia Cortina si è imposto nella 106^ edizione del Gran Piemonte presented by Eolo, 198 km da Omegna a Beinasco, rompendo un digiuno personale che durava da quasi tre anni. Il portacolori della Movistar Team ha avuto la meglio di Matej Mohoric (Bahrain Victorious) e di Alexis Vuillermoz (TotalEnergies) in quello che è stato uno sprint a ranghi ridotti dopo che sull'ascesa di Pilonetto, la cui vetta era posta a 60 km dall'arrivo, il gruppo si è spaccato. Le squadre dei velocisti, rimasti attardati dai 35 corridori che facevano parte della testa della corsa, hanno provato ad organizzare un inseguimento ma hanno dovuto alzare bandiera bianca dopo essere arrivati a 40". A 4 km dall'arrivo Pieter Serry (Quick-Step Alpha Vinyl Team) provava ad anticipare la volata ma il suo attacco veniva rintuzzato a 1500 metri dal traguardo. Garcia Cortina, rimasto indietro all'ultima curva, riusciva a rimontare sul rettilineo finale dedicando il successo al figlio Pelayo nato lo scorso 15 settembre.

DOWNLOAD

 



DICHIARAZIONI
Il vincitore del Gran Piemonte presented by Eolo Ivan Garcia Cortina ha dichiarato in conferenza stampa: "Il successo mi mancava, c'ero andato vicino più volte come al Tour de France del 2021 quando ero arrivato quarto. La mia stagione finora non era stata negativa ma senza vittorie non era la stessa cosa. Non ho capito bene l'evoluzione della corsa ma, quando mi sono accorto di essere davanti, sapevo che mi sarei potuto giocare le mie carte in uno sprint a ranghi ridotti. Come team stiamo andando bene e adesso fari puntati su Il Lombardia. Sarà l'ultima gara stagionale per me e per Enric Mas nonchè l'ultima della carriera straordinaria di Alejandro Valverde."

Il secondo classificato, Matej Mohoric, ha detto: "Se qualcuno stamattina mi avesse detto che oggi sarei arrivato secondo non ci avrei creduto ma, visto come è andata la corsa, ho qualche rimpianto. Il mio sprint non è stato perfetto. Ad un certo punto ho dovuto smettere di pedalare. Cortina nel finale era più veloce di me e non c'era nulla da fare. Mi sentivo molto bene in salita e avevo ancora margine. Il gruppo si è selezionato e, una volta scollinato l'ultimo colle, siamo andati a tutta fino alla fine. Il Lombardia ha 3000 metri di dislivello in più rispetto a oggi, è una corsa per scalatori e io non lo sono."

Il terzo classificato, Alexis Vuillermoz, ha commentato: "So di essere veloce allo sprint ma allo stesso tempo so di non essere bravissimo a trovare la posizione giusta. E' per questo che non provo mai a buttarmi in volate di gruppo ma solo in sprint come quelli di oggi. Il mio compagno di squadra Alan Jousseaume mi ha pilotato nel finale ma ero meno forte di Garcia Cortina e Matej Mohoric. E' stata una bella lotta nel finale perchè eravamo in tanti alla ricerca di un bel risultato. Sono felice di essere sul podio del Gran Piemonte."

 

 

 

ORDINE D’ARRIVO 106°GRAN PIEMONTE

1° Ivan Garcia Cortina (Spa, Movistar Team) 198 km in 4.21’44” media 45,390 km/h

2° Matej Mohoric (Slo, Bahrain – Victorious)

3° Alexis  Vuillermoz (Fra, TotalEnergies)

4° Edoardo  Zambanini (Bahrain - Victorious)

5° Alberto  Bettiol (Ef Education-Easypost)

6° Madis  Mihkels (Est, Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux)

7° Corbin  Strong (NZl, Israel - Premier Tech)

8° Andrea  Bagioli (Quick-Step Alpha Vinyl Team)

9° Alessandro  Covi (Uae Team Emirates)

10° Frederik  Wandahl (Dan, Bora - Hansgrohe)

11° Alan  Jousseaume (Fra, TotalEnergies)

12° Thomas  Gloag (GBr, Jumbo-Visma)

13° Xandro  Meurisse (Bel, Alpecin-Deceuninck)

14° Benjamin  Thomas (Fra, Cofidis)

15° Martijn  Tusveld (Ola, Team Dsm)

16° Gianni  Moscon (Astana Qazaqstan Team)

17° Tim  Declercq (Bel, Quick-Step Alpha Vinyl Team)

18° Kamil  Małecki (Pol, Lotto Soudal)

19° Neilson  Powless (USA, Ef Education-Easypost)

20° Stake Vegard  Laengen (Nor, UAE Team Emirates)

24° Matteo  Fabbro (Bora - Hansgrohe) a 3”

26° Bauke  Mollema (Ola, Trek - Segafredo) a 8”

27° Mikel  Landa (Spa, Bahrain - Victorious) a 9”

39° Simone  Consonni (Cofidis) a 1’26”

41° Stefano  Oldani (Alpecin-Deceuninck)

43° Elia  Viviani (Ineos Grenadiers)

44° Andrea  Pasqualon (Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux)

47° Giacomo  Nizzolo (Israel - Premier Tech)

57° Matteo  Trentin (Uae Team Emirates)

84° Olav Kooij (Ola, Jumbo-Visma)

100° Giulio Ciccone (Trek Segafredo) a 1’34”

116° Davide Ballerini (Quick Step Alpha Vinyl)

123° Matteo Sobrero (Team BikeExchange Jayco) a 6’16”

134° Mark Cavendish (GBr, Quick Step Alpha Vinyl) a 10’27”

 

Photo Credits: LaPresse