Gio04182024

Aggiornamento:01:46:20

Back Archivio Vetrina - Eventi Expobici: 42mila presenze in tre giorni

Expobici: 42mila presenze in tre giorni

Padova - Circuiti granfondistici, esibizioni, riviste specializzate, aziende leader del settore e realtà emergenti. E' questa Expobici, grande fiera dedicata al mondo del ciclismo. Lo staff di ruoteamatoriali si è recato nel centro fieristico di Padova per vivere da vicino questo grande evento, che in tre giorni ha registrato 42mila presenze, con una crescita del 20% rispetto allo scorso anno e del 120% rispetto alla prima edizione, appena quattro anni fa. Non solo: le partecipazioni espositive alla manifestazione dal 2008 sono più che triplicate, raggiungendo quota 500 tra aziende e marchi. Triplicate anche le superfici espositive coperte, passate nello stesso periodo da 10mila a 30mila metri quadri, ai quali vanno aggiunti circa 7mila metri quadri di aree demo esterne. Numeri che, come sottolineano gli organizzatori, pongono Expobici al secondo posto in Europa tra i saloni dedicati al settore.

Maurizio Rocchi di In Bici presenta la sua rivista

«Tanti ingredienti hanno contribuito al successo di questa manifestazione, partita in piccolo quattro anni fa – sottolinea il direttore generale di PadovaFiere Paolo Coin –. Al primo posto metterei senz’altro la passione: quella del mondo dei ciclisti, sia professionisti che amatori, che ha dimostrato competenza, ha manifestato fiducia, ha rinnovato fedeltà ad Expobici. Ma anche la passione di quanti hanno collaborato per la riuscita del salone: gli organizzatori, i tantissimi espositori presenti e le istituzioni, con in testa la Regione Veneto, che si sono dimostrate capaci di dialogare con il mondo delle due ruote offrendo proposte pensate nello specifico». 

Lo stand del circuito Marche Marathon

Lo stand del Circuito Dalzero.it

Sono stati tre giorni densissimi di proposte, durante i quali i visitatori hanno potuto toccare con mano i migliori prodotti presenti sul mercato, inforcare biciclette da sogno per provarle lungo i percorsi allestiti per l’occasione, stringere la mano di grandi campioni del passato e del presente e vederli all’opera, artefici di spericolate acrobazie. È il caso di 100% Brumotti e del suo team, che per tutta la durata della manifestazione hanno saputo regalare forti emozioni. Gli spettatori potranno ammirare le acrobazie di uno spericolato team di freestyler, che si sono esibiti su una pista dirt lunga 80 metri con un roll-in di 4 metri d'altezza: accanto ai tedeschi Markus Braumann, Sergej Geir, Simon Moratz e Philipp Baum, si esibiranno l’italiano Fabio D’Alessandro e – forse il più applaudito in assoluto – il mirabolante Alessandro Barbero, campione italiano e Freestyler of the year 2007. Alessandro Barbero è l'atleta di bmx che rappresenta l'Italia nel mondo nella specialità street. Campioni sulle due ruote, campioni anche nella vita, sempre disponibili a stringere una mano, scambiare due parole, regalare un consiglio ai tanti appassionati presenti in Fiera.

Amolabici.tv

Expobici 2011 ha offerto al pubblico la possibilità di ascoltare le confidenze dell’astrofisica Margherita Hack, arrivata a Padova per raccontare i suoi ricordi più belli legati alle due ruote, che ha recentemente raccolto nel libro “La mia vita in bicicletta” (Ediciclo). Dal primo monopattino di legno, distrutto da un "amichetto cicciottello" alle escursioni spensierate della giovinezza, fino alle lunghe estati passate all’aria aperta, scoprendo che «solo in bicicletta si sentono i profumi del mondo».

C'è anche tanta bellezza non ciclistica nei padiglioni di Expobici

Expobici 2011 è stato il grande momento d’incontro tra le due ruote e la Regione del Veneto: le sue bellezze, i suoi itinerari pensati ad hoc per chi pedala e la sua offerta culturale e gastronomica. E’ stato infatti presentato il progetto Green Tour, realizzato dall’Unità di Progetto Parchi e Foreste della Regione del Veneto, che mediante percorsi e vie d’acque esistenti mette in relazione i singoli parchi. Un progetto che ha proprio nella bicicletta il suo “alleato naturale”. Grande successo anche per i quattro percorsi cicloturistici regionali, messi a punto dall’assessorato al Turismo, che permetteranno di girare in lungo e in largo, ma in ottica decisamente “slow”, le bellezze del Veneto.

Lo stand dell'Udace
 

Allo stand della L'Unique...

 

...una dimostrazione di lavaggio di una biclcetta

 

ExpoBici 2011 ha ospitato anche la prima edizione degli Expo - Bicitech Innovation Award. La giuria ha visionato gli oltre 80 prodotti presentati, divisi in sei categorie e stabilito i vincitori, sette, e gli otto prodotti che seppur non vincenti sono stati ritenuti meritevoli di segnalazione. 

La categoria bici da strada è stata vinta dalla Ridley con il modello Noah Fast, che prevede freni integrati nel telaio, con un sistema innovativo di lamine che dirigono l'aria lontano dai raggi, migliorando l'aerodinamica. Un prodotto studiato, provato e testato in galleria del vento, e dal nome rappresentativo, FAST (Future Aero Speed Technology).

Tra le mountain bike il vincitore è stato Sarto Telai, che ha presentato l' MT29R, un telaio artigianale, fatto in Italia, un piccolo gioiello studiato per le nuove ruote da 29'. Nella stessa categoria l' 8HP FULL ha valso la segnalazione per "Valutazione d'insieme del prodotto" per l'italiana FRM Bike Technology.
 

Tra le Urban/E Bikes a vincere è stata Essegi Compositi, con una bicicletta di alta gamma, in carbonio, pieghevole, certamente riservata a un pubblico molto esigente. Due le segnalazioni in questa categoria: Italwin per il "livello di innovazione", assegnato alla linea Ducati E –Bikes, e Bellabici per la "qualità del design", ricercato e intrigante.
 

Nella categoria abbigliamento, vittoria a pari merito per Assos e X-Bionic. Assos of Switzerland con il pantaloncino FI 13 Cycling Shorts, che ha stupito per il progetto di sviluppo e promozione del prodotto. Il body Bib Tight Windskin di X-Bionic ha spiccato invece per quanto riguarda la qualità dei materiali e la tecnica di produzione. Tre le segnalazioni in questa categoria: per il "livello di innovazione" Lazer Helmets che ha portato un casco al cui interno sono presenti due magneti per fissare gli occhiali che permettono un maggiore comfort. Carrera Eyewear è stata premiata per la "qualità tecnica" grazie al suo prodotto realizzato in sinergia con la storica azienda Safilo. Sidi Sport ha conquistato la segnalazione per la "qualità del design" grazie alle scarpe Ergo Carbon Vernice, esteticamente accattivanti.
 

Tra la componentistica e gli accessori, la vittoria è andata a FSA con i comandi del cambio elettronico Vision Metron Alloy Shifter, un prodotto pensato per rendere confortabile la posizione delle mani del corridore sulle leve di cambio. Questo design unico elimina la necessità del ciclista di spostare le proprie mani dalle estensioni, in modo da mantenere una posizione completamente aerodinamica anche nel momento del cambio. Nella stessa categoria due le segnalazioni, una per la "qualità tecnica" a l'SLR Monolink Friction Free, la neo nata di Selle Italia, e un'altra per il "livello di innovazione" a Integra di 3T, un sistema che permette di avere in un unico prodotto, cardiofrequenzimetro, gps e numerosi rilevamenti elettronici utili per valutare al meglio il proprio regime di allenamento. Per ultima ma non meno importante Lemond Revolution Indoor Bike Trainer, un rullo per allenarsi comodamente a casa, durante l'inverno o la pioggia, apprezzato molto da alcuni giudici che avevano già avuto occasione di provarlo personalmente e apprezzare l'elevata qualità tecnica.