Mar04232024

Aggiornamento:12:17:00

Back Strada Europei Drenthe 2023: oro per il francese Laporte nella gara élite uomini, Italia prima nel medagliere

Europei Drenthe 2023: oro per il francese Laporte nella gara élite uomini, Italia prima nel medagliere

 

 

Christophe Laporte ha conquistato oggi a Col du VAM (Paesi Bassi) il titolo di campione europe su strada  della categoria Uomini Elite. Il corridore francese si è imposto con un’azione solitaria negli ultimi dieci chilometri che l’ha visto resistere al  ritorno del gruppetto dei migliori, ed ha preceduto il belga Wout Van Aert e Olfa Kooij (Paesi Bassi).

25 chilometri dopo il via da Assen è nata la prima fuga di giornata che ha visto al comando per oltre 100 chilometri cinque corridori: il neo campione europeo della cronometro Joshua Tarling (Gran Bretagna), Stefan  Bissegger (Svizzera), Rory Townsend (Irlanda), Norman Vahtra (Estonia) e Mathias Vacek (Repubblica Ceca);  Bisseger e Vacek sono stati gli ultimi ad essere ripresi dal gruppo.

Il finale ha visto prima i corridori italiani cercare di creare la selezione e successivamente è stata la volta di  Belgio e Paesi Bassi. I forcing hanno dato vita all’azione decisiva della corsa portando al comando un drappello  con Kron e Pedersen (Danimarca), De Lie e Van Aert (Belgio), Degenkolb (Germania), Tiller (Norvegia),  Laporte e Dujardin (Francia) e gli olandesi Kooij e Teunissen.

A dieci chilometri dalla conclusione l’attacco deciso di Laporte che in breve ha guadagnato un leggero margine  di vantaggio nei confronti del gruppetto inseguitore per andare poi a tagliare il traguardo regalando così alla  Francia il primo titolo continentale tra gli elite.

Nella giornata conclusiva si è disputata anche la prova delle Donne Junior che, dopo una gara particolarmente  combattuta, ha visto la vittoria di Fleur Moors (Belgio) che si è imposta sull’italiana Federica Venturelli con la  quale si era avvantaggiata lungo l’ultima salita verso il traguardo; terzo posto per la francese Léane Tabu.

La prossima edizione dei Campionati Europei su Strada si terrà in Belgio (Limburgo – Fiandre) dall’11 al 15  Settembre 2024.

 

Gara Elite

 

COL DU VAM - La giornata conclusiva del Campionati Europei di Ciclismo si chiude con lo sprint mozzafiato tra Laporte e un rientrante Van Aert. Si era aperta con la vittoria della belga Moors davanti alla nostra Federica Venturelli, che ha regalato all’Italia la quarta medaglia, la sua terza personale. Un Europeo, per i nostri colori, che ci vede primi nel medagliere complessivo con 2 medaglie d’oro e 2 d’argento in compagnia della Gran Bretagna. Il bilancio del presidente Dagnoni: “Siamo tra le Nazioni leader, come è sempre stato negli ultimi due anni, e possiamo anche recriminare, per una serie di piazzamenti e per le cadute di Elisa Balsamo, ieri, e Filippo Ganna oggi. Abbiamo un settore crono che ci invidiano tutti, così come la nostra compattezza e attaccamento alla maglia. Federica Venturelli è la juniores di questi europei, con due titoli personali e tre medaglie. Rappresenta, insieme ad altri ragazzi e ragazze, il futuro del nostro sport. Credo che sia la miglior risposta a chi ritiene il nostro ciclismo in crisi e dipendente da un solo atleta. Ricordo, per esempio, che il secondo posto nel Mixed Team Relay (specialità che rispecchia la bontà di un movimento), per soli 4”, è giunto senza corridori come Ganna e Longo Borghini. Insomma, pur rammaricandoci per le medaglie mancate, il ciclismo italiano si dimostra in salute. Faccio i complimenti a tutti gli atleti, tecnici e staff."

ELITE - La prova regina di questi Europei si chiude nel segno della Francia, con la vittoria di Laporte davanti a Van Aert, terzo l’olandese Kooij. La Nazionale italiana si mostra come sempre formazione compatta e votata al piano prestabilito, ma sconta (come nel caso della prova femminile) della caduta di Filippo Ganna, uomo di punta designato, a circa 20 chilometri dalla conclusione.

Daniele Bennati: “Fino ad allora c’eravamo mossi bene. La caduta ha scompaginato i piani, mettendo fuori causa Ganna ed anche Trentin. L’azione decisiva è nata proprio a seguito di questa. Faccio i complimenti ai ragazzi che hanno corso egregiamente e che hanno dimostrato, come sempre, attaccamento alla maglia e spirito di squadra.”

Matteo Trentini, 14° e primo degli italiani: “Io non sono stato coinvolto direttamente nella caduta, ma questa ha creato un buco e ci siamo trovati indietro. A quel punto è stato impossibile recuperare perché avanti c’erano tutti i migliori. Purtroppo queste cadute stanno diventando sempre più frequenti…”.

Filippo Ganna termina con evidenti segni sulla parte destra del corpo: “Dopo la prima – che ha coinvolto anche Pasqualon – ho recuperato abbastanza velocemente e stavo bene. La seconda mi ha messo fuori dai giochi, facendo saltare tutti i nostri piani. Peccato.”

MEDAGLIERE ITALIA EUROPEI DRENTHE 2023

ORO
CRONOMETRO INDIVIDUALE DONNE JUNIORES - Federica Venturelli
TEAM MIXED RELAY JUNIORES - Andrea Bessega, Luca Giaimi, Andrea Montagner, Alice Toniolli, Eleonora La Bella e Federica Venturelli

ARGENTO
TEAM MIXED RELAY ELITE - Edoardo Affini, Mattia Cattaneo, Matteo Sobrero, Elena Cecchini, Soraya Paladin e Vittoria Guazzini.
PROVA IN LINEA DONNE JUNIORES - Federica Venturelli