Mar06152021

Aggiornamento:04:01:16

Back Gran Fondo

Gran fondo

Bartoli: “percorso bellissimo, tecnico e da non sottovalutare; proprio come le grandi classiche che piacevano a me”.

Ha vinto le più belle classiche del ciclismo mondiale ( tra queste, il Fiandre, due volte la Liegi, l’Amstel Gold Race, due volte il Lombardia, la Freccia Vallone in una mitica edizione sotto la neve); si è aggiudicato due volte la Coppa del Mondo (1997; 1998). Ha indossato la maglia Rosa ed ha vinto tappe al Giro d’Italia. Ma i tifosi li ha conquistati non solo a suon di vittorie, ma soprattutto grazie alla classe infinita ed alla semplicità che ha saputo conservare. Oggi Michele Bartoli, oltre che essere organizzatore di eventi legati al ciclismo, ha messo la sua esperienza a disposizione di professionisti ed appassionati realizzando un centro per la preparazione a Lunate di Lucca.

La Gran Fondo d'Abruzzo cambia percorso: affronterà la Majella

La notizia non può che far piacere al mondo dei cicloamatori del Centro Sud Italia, il 6 ottobre la 1^ Gran Fondo d’Abruzzo attraverserà il Parco Nazionale della Majella. Nella nota redatta dagli organizzatori andiamo a leggere: “Avevamo pensato che la nostra Gran Fondo avrebbe dovuto dar più risalto al territorio e dopo aver iscritto la corsa il calendario ci siamo attivati per avere le opportune autorizzazioni per attraversare il parco Nazionale della Majella. Sia il percorso della  Gran Fondo che quello della  Medio Fondo attraverseranno il Parco Nazionale della Costa dei Trabocchi permettendo ai partecipanti di vedere la meravigliosa costa e l’eremo d’Annunziano. Il gruppo si dirigerà verso la Majella lasciando alle spalle la costa fino ad arrivare in località Fara Filotrum Petri dove i due percorsi si separeranno. Il percorso della Gran Fondo andrà in direzione Passo Lanciano per poi riscendere a Guardiagrele e  terminare a Lanciano dopo circa 130 km con 2700 metri di dislivello, mentre il percorso della Medio Fondo costeggerà le pendici della Majella e terminerà a Lanciano dopo circa 85 km e 1350 metri di dislivello. Questo nuovo percorso farà si che potremmo attraversare ben due Parchi Naturali, il Parco della Costa dei Trabocchi e quello della Majella rendendo unico il percorso per bellezza che per paesaggi.”

La Sagrantino: possibilità di effettuare l’Aorta Bike Screening

Montefalco (Pg) – Novità dell’ultima ora alla granfondo La Sagrantino, la cui 7a edizione si terrà domenica 10 marzo a Montefalco (Pg). Il Centro scientifico sportivo medico motorio e nutrizionale (Cesmen) di Perugia, specializzato in ricerca clinico-scientifica, offrirà ai partecipanti la possibilità di effettuare l’Aorta Bike Screening, un test all’aorta addominale con il quale valutare il diametro di questa vena in atleti che fanno esercizio fisico intenso e prolungato, considerando eventuali variazioni di calibro in relazione all’età. Il test, appositamente studiato per la granfondo La Sagrantino e da svolgere preferibilmente al mattino, si terrà alteatro di Montefalco, in piazza del Comune. Verrà eseguito con apparecchiatura Eco-color-Doppler. E’ assolutamente non invasivo e viene eseguito in circa 2’.

Il Granducato di Toscana è entrato nel vivo

Con la Granfondo Val di Cecina del 3 marzo a Cecina (Li) il Giro del Granducato di Toscana ha finalmente preso la sua giusta forma. La vittoria nel lungo è andata a Giuseppe Di Salvo del Velo Club Maggi 1906, mentre tra gli abbonati il più veloce è stato Roberto Francini del Team Pissei Asd Montevettolini con la sua 18a posizione assoluta. Tra le donne ha trionfato Claudia Gentili del Prestigio Came Giordana, ma la prima abbonata al traguardo è stata Claudia Bertoncini del Velo Club Maggi 1906, giunta terza. Stessa sorte nel medio, dove la vittoria è andata all'outsider Massimiliano Grazia del Green Devils Team, mentre ilprimo abbonato all’arrivo è stato Marco Poccianti del Gs Poccianti, terzo assoluto. Tra le donne successo per Francesca Martinelli del Velo Club Maggi 1906, mentre la prima abbonata è stata Maurizia Landucci della Polisportiva Croce Rossa, giunta quarta.

Gf Amalfi: appena nata, è già imperdibile

La prima edizione della Granfondo Costa d'Amalfi nasce grazie all’ Asd Movicoast, in collaborazione con Fci comitato regionale Campania, in programma il 16 e 17 marzo 2013. La Granfondo si inserisce in un minicalendario di eventi, un programma molto intenso, ideato al fine di attirare una nicchia maggiore di persone, non solo ciclisti, che possa apprezzare questo territorio. Tra le novità, un parterre d’eccezione con numerose richieste giunte da parte di atleti paralimpici, oltre all’adesione già confermata dell’ex pro Gilberto “Gibo” Simoni che prenderà parte alla gara, ma con lo spirito di attraversare con calma questi luoghi. A ciò si aggiunge un gadget davvero interessante a ricordo di questa giornata: gli organizzatori hanno infatti inserito all’interno del pacco gara, una maglia tecnica griffata Costa d’Amalfi, cui si aggiungono integratori EthicSport, buoni sconto per l’acquisto di prodotti tipici locali, nonché biglietti d’ingresso ai principali eventi e visite guidate organizzati durante la due giorni di sport. Sono poi stati stampati, per tutti coloro che si sono iscritti entro il 3 marzo, numeri personalizzati con tanto di nome e cognome sul pettorale. Grazie all’ accordo con Dalzero.it sarà poi attivata la combinata che vedrà l’abbinamento tra la Granfondo di Amalfi e la Gf 5 Terre in programma a settembre: oltre all’ iscrizione ridotta (20 euro ogni manifestazione), sarà adibita una particolare classifica con premi speciali. Una manifestazione dunque piena di sorprese e con un occhio di attenzione ai suoi partecipanti.