Sab12042021

Aggiornamento:01:23:49

Back L'altro pedale Pista UCI Track Champions League: Miriam Vece quinta nella velocità, Silvia Zanardi decima nell'endurance

UCI Track Champions League: Miriam Vece quinta nella velocità, Silvia Zanardi decima nell'endurance

254010075 256482036533976 2318578767103925433 N

 

 

E’ partita ieri la UCI Track Champions League, la nuova competizione rivolta al mondo della pista, con la partecipazione di 72 dei migliori pistard mondiali. Qualche novità, ma anche tante conferme nella prima giornata di gare della neonata rassegna, che prevede 4 diverse discipline, suddivise in due categorie: quella della velocità, che ha visto i pistard impegnati nello Sprint e nel Keirin; quella dell'Endurance, con Scratch ed Eliminazione.

Italia subito protagonista nella velocità, grazie alle buone prestazioni di Miriam Vece, che la proiettano direttamente al quinto posto della classifica provvisoria al termine della prima tappa del circuito. La cremasca ottiene subito la qualificazione nella finale Keirin, prova in cui si difende bene ma non può nulla contro il duo avversario Hinze (Germania) e Mitchell (Canada), che riescono a staccare persino un mostro sacro come la teutonica Lea Friedrich.

Nello sprint Miriam non va oltre il primo turno: la gara è vinta dalla Hinze su Friedrich, in una finale tutta tedesca. La stessa Hinze domina il settore sprint andando a vestire la maglia di leader. Maglia che indossa anche il medagliato olimpico Harrie Lavreysen, grazie alla vittoria nella velocità. All’altro neerlandese Hoogland la vittoria nel keirin. Nessun italiano in gara per queste specialità.

Nel settore Endurance, Silvia Zanardi arriva settima nell'eliminazione, in una gara che ha visto sin da subito una lotta serrata per restare in corsa. Alla fine la spunta Katie Archbald con un poderoso scatto nel penultimo giro. Nello scratch la prova è caratterizzata subito dalla fuga di tre elementi, con il resto del gruppo che riesce a ricucire lo svantaggio solo nel finale. La vittoria va alla canadese Maggie Coles-Lyster, la maglia di leader alla britannica Archibald.

L’Endurance maschile ha visto l’assolo del neozelandese Corbin Strong, che fa doppietta portandosi a casa sia lo Scratch, uscendo dal gruppo con uno scatto potente a 500 metri dal traguardo, sia l’Eliminazione, in cui surclassa i finalisti Mora e Martorell Haga. Michele Scartezzini non trova la giusta gamba, faticando ad emergere dal gruppo nello Scratch e subendo un'eliminazione precoce nell’altra specialità.

La seconda tappa della Track Champions League si svolgerà a Panevezys, in Lituania, il 27 novembre.