Ven07192024

Aggiornamento:05:34:26

Back L'altro pedale Pista Europei Pista juniores-under 23: la giovane Italia della pista domina in Europa

Europei Pista juniores-under 23: la giovane Italia della pista domina in Europa

Photo1689516595

 

 

Dopo sei giorni di gare cala il sipario sui Campionati Europei pista riservati a Juniores e Under 23. Una rassegna continentale che ha visto l’Italia dominare in tutto e per tutto, imponendosi nel medagliere finale grazie alle 22 medaglie complessive conquistate. I numeri parlano chiaro: 14 ori, 5 argenti e 3 bronzi, tra sorprese e conferme, 4 nuovi record del mondo e un futuro tutto da scrivere, ma che promette già bene. Sul tondino di Anadia, palcoscenico della manifestazione a cui hanno partecipato complessivamente 387 atleti in rappresentanza di 30 nazioni, gli azzurri si rendono protagonisti anche nell’ultima giornata di gare con due vittorie di prestigio: quella nel Keirin Under 23 e quella nella Madison juniores.

Juan David SierraMatteo Fiorin conquistano la medaglia d’oro nell’Americana, regalando alla spedizione azzurra il titolo numero 13. Superlativa la prestazione della coppia italiana, che già dal primo dei 12 sprint in programma, balzano al comando della classifica per rimanerci fino alla fine, nonostante l'ostica resistenza dei britannici che chiudono in seconda posizione. Completa il podio il Belgio, medaglia di bronzo.

Una vittoria che fa salire a quota 8 - di cui 7 d’oro e 1 d’argento (nell’Omnium, a soli 2 punti dal titolo) - le medaglie raccolte dal gruppo junior guidato da Dino Salvoldi, tecnico di lunga data che ha dimostrato di sapere il fatto suo anche in una categoria delicata gli Juniores, che mixano puro talento e inesperienza. Questo campionato europeo ha messo in evidenza alcune individualità particolarmente interessanti tra loro, con atleti capaci di salire sul podio diverse volte: Davide Stella, tripletta d’oro tra Scratch, Eliminazione e Km da fermo; Luca Giaimi, capace di battere due volte il record del mondo sia nell’Inseguimento a squadre che in quello individuale; Juan David Sierra, anche lui nel quartetto più veloce d’Europa e campione nella Corsa a Punti e nella Madison, che nonostante sia giovanissimo ha affrontato ogni sfida a testa alta, dimostrando che credere nei propri mezzi sia la base fondamentale di ogni vittoria.

Vincere è una cosa, ripetersi un'altra. Matteo Bianchi ha mostrato il colpo di pedale dei giorni migliori, consentendogli di conquistare la seconda medaglia d'oro ai campionati europei di ciclismo su pista, arrivata nel Keirin Under 23. Il classe 2001 ha chiuso in trionfo la sua avventura di Anadia con un successo netto, mai in discussione e a dir poco meritato. L’oro arriva grazie ad una splendida rimonta nell'ultimo giro, superando proprio sulla linea d'arrivo il greco Konstantinos Livaanos e l'olandese Tijmen Van Loon con una irresistibile progressione, vincendo infine grazie ad una volata da applausi: il velocista sigla così un prezioso tris in questa rassegna, dopo essersi già imposto nel Team Sprint e nel KM da fermo.

Bianchi, assieme a Mattia Predomo, rappresenta il simbolo del tentativo di rinascita del settore veloce italiano guidato da Ivan Quaranta, che anche qui in Portogallo continua a lanciare messaggi inequivocabili. Il collaboratore tecnico in soli 18 mesi ha prima raccolto le tante risorse umane sparse sul territorio e poi dato una guida tecnica sicura, in grado di affrontare le gare con convinzione e sicurezza. Dalla sorpresa dello scorso anno siamo passati alla prima conferma con il 2023: “Abbiamo dimostrato di essere la Nazionale più forte in questa categoria, riuscendo a imporci in 4 specialità su 4” spiega Quaranta. Che aggiunge: “Stiamo arrivando anche con le donne: la vittoria di Beatrice Bertolini, che l’anno scorso avevo convocato per una prima esperienza, ne è un chiaro esempio. Così come la medaglia nel Team Sprint juniores. Sono ragazzi giovani e inesperti, hanno bisogno di un bagaglio d’esperienza importante, ma sono contento di vedere che la strada che stiamo percorrendo è quella giusta”.

 

Photo1689443461

 

È l’Italia la nazione dominatrice dell’edizione 2023 dei Campionati Europei su pista Junior e Under 23 che si  sono disputati al Velodromo Nacional di Anadia (Portogallo).

Gli atleti italiani si sono imposti nel medagliere finale conquistando complessivamente 22 medaglie: 14 d’oro  (delle 44 in palio), 5 d’argento e 3 di bronzo, precedendo la Gran Bretagna (9, 8 e 6) e la Germania (9, 2 e 8)

La rassegna continentale, alla quale hanno partecipato complessivamente 387 atleti in rappresentanza di 30 nazioni, ha messo in evidenza anche alcune individualità particolarmente interessanti, tra gli junior, come  l’italiano Davide Stella che ha conquisto tre titoli: Scratch, Eliminazione e Chilometro, il tedesco Pete-Collin  Flemming, primo nel Keirin, nella Velocità e nella Velocità a squadre e Juan David Sierra (Italia), oro nell’Inseguimento a Squadre, nella Madison e nella Corsa Punti junior. Tre medaglie d’oro anche per l’italiano  Matteo Bianchi: Velocità a Squadre e Chilometro e Keirin Under 23. Doppiette per l’Under 23 Tim Torn  Teutenber (Germania) nell’Eliminazione e nell’Omnium, per l’irlandese Lara Gillespie nell’Omnium e nella  Corsa a Punti Under 23, per la Junior belga Hélène Hesters oro nell’Eliminazione e nell’Omnium, per l’italiano  Under 23 Mattia Predomo (Velocità a Squadre e Velocità) e la britannica Rihanna Parris-Smith (Velocità a  Squadre e 500mt) oltre che per le Junior Federica Venturelli (Inseguimento a Squadre e Inseguimento  Individuale), Viorica Rand (500mt e Velocità a Squadre) e lo Junior Matteo Fiorin (Italia) nella Madison e  nell’Inseguimento a Squadre, stessi titoli conquistati delle britanniche Madelaine Leech e Sophie Lewis tra le  donne Under 23.

Nel corso dei Campionati Europei di Anadia l’italiano Luca Giaimi, nella finale dell’inseguimento individuale  junior, ha stabilito il nuovo record del mondo (3’07”596) migliorando il suo stesso primato (3’08”485) stabilito  durante le qualificazioni. L’Italia (Luca Giaimi, Juan David Sierra, Renato Favero, Matteo Fiorin ed Etienne  Grimod) ha anche realizzato il nuovo record del mondo dell’inseguimento a squadre junior in 3’53”980.

Tra gli altri risultati da sottolineare i successi della Gran Bretagna nelle due prove Under 23 dell’Inseguimento  a squadre, di Karolina Keliukh (Ucraina) nella Velocità Junior, di Phillip Mathiesen (Danimarca) nello Scratch  Under 23, di Hector Alvarez (Spagna) nell’Omnium Junior, di Alessa-Catriona Propster (Germania) nella  Velocità Under 23 e degli austriaci Raphael Kokas e Maximilian Schmidbauer nella Madison Under 23.

La prossima edizione dei Campionati Europei Pista Junior e Under 23 si terrà ad Cottbus (Germania) dal 9 al  14 Luglio 2024.

Risultati e medagliere #EuroTrack23 – clicca qui

Foto (UEC | Sprint Cycling) – clicca qui