Gio05232024

Aggiornamento:10:58:00

Back Archivio MTB Grande successo per il Campionato Italiano Endurance 6H e Bibione Bike Trophy

Grande successo per il Campionato Italiano Endurance 6H e Bibione Bike Trophy

DSCN7165

 

 

È stato davvero un grande successo la decima edizione della Bibione Bike Trophy, che ha ospitato anche il Campionato Italiano Endurance 6H. Oltre 500 i bikers al via della gara endurance più partecipata dell’anno! Sono Chiara SelvaCristian BernardiRomina Ciprian/Juri Lazzaroni i primi campioni italiani della disciplina.

Sono servite 6 ore 2 minuti 58 secondi per effettuare 21 giri, del bellissimo anello di 7,5 chilometri, con un totale di oltre 157 km percorsi, a Cristian Bernardi (Trinx Facrory Team), per vincere il primo titolo di campione italiano endurance 6H a Bibione. La prova femminile è stata vita da Chiara Selva (Team Spezzotto), mentre il titolo per le coppie miste è andato a Romina Ciprian/Juri Lazzaroni (KI-CO-SYS Teal Friuli).

Una giornata iniziata con le migliori condizioni climatiche, perfetta per lo svolgimento della gara. Alle 15:00, orario di inizio della competizione, il via della prima edizione del Campionato Italiano Endurance 6H FCI, istituito proprio quest’anno.

Partenza dal piazzale Zenith di Bibione, rinomata frazione turistica di San Michele al Tagliamento (VE), con la sua bellissima spiaggia e la sua caratteristica pineta.

Il via puntuale, con musica e la perfetta conduzione degli speaker Flavia Bisaro e Antonio Colli, che hanno incitato e accompagnato tutti i passaggi dei concorrenti per le oltre sei ore di gara.

Il percorso 2023 prevedeva una lunghezza di 7,5 chilometri, suddivisi in 1 km di asfalto/ciclabile, 550 metri di spiaggia e 5,75 km di single track/strada sterrata.

La gara è stata molto serrata per buona parte della manifestazione, con molto atleti nel gruppo di testa, tra i quali, oltre al vincitore, l’Under 23 Cristian Bernardi (Trinx Facrory Team), segnaliamo Ramon Vantaggiato (Taddei Factory Team), Mattia Toccafondi (Ciclissimo) e Andrea Zampedri (Lissone MTB).

Nel finale Cristian Bernardi è riuscito a fare la differenza andando a conquistare il prestigioso successo precedendo Mattia Toccafondi e Ramon Vantaggiato che hanno completato il podio.

Nella prova femminile ad imporsi è stata Chiara Selva, cha ha preceduto di un giro Luisa De Lorenzo Poz e Claudia Paolazzi, che sono salete con lei sul prestigioso podio.

Tra le coppie miste ad imporsi è stata la coppia friulana composta da Romina Ciprian/Juri Lazzaroni.

Dopo la prova Nazionale, alle 15:30 è scattata la decima edizione della Bibione Bike Trophy, manifestazione, che da quattro anni è organizzata dall’ASD XEVENT-Cortina Experience, che poteva essere partecipata singolarmente o in squadre da 2, 3 o 4 componenti.

Complessivamente sono stati oltre 500 i bikers al via, un grande risultato considerata l’attuale situazione che sta condizionando anche lo sport, un numero che designa questa manifestazione come la gara endurance più partecipata d’Italia.

La vittoria finale, tra i singoli, è andata al forte elite austriaco Krenn Wolfgang, al suo quarto successo assoluto in questa manifestazione. Sul traguardo ha preceduto Fabrizio Pezzi e Nicola Savi.

Tra le donne netta vittoria per Loredana Landolfi, che ha preceduto Carla Minini e Silvia Anderle.

Grandi battaglie anche tra le squadre, da 2, 3 o 4 componenti, maschili, femminili e miste, dove molte categorie hanno visto lotte serrate fino all’ultimo giro.

Classifiche complete per tutte le categorie

Per rivivere le emozioni della competizione vi proponiamo highlights video della manifestazione, in attesa delle sintesi televisive in cui potremo seguire le cronache complete:

https://www.youtube.com/watch?v=yWlp7n7TUsk

Bilancio più che positivo per questa quarta edizione organizzata dall’ASD XEVENT-Cortina Experience, espressa anche dal suo presidente Federico Casalini.

L’appuntamento con l’undicesima edizione della Bibione Bike Trophy è per il 2024, dove Bibione sarà pronta ad accogliere e far divertire ancora una volta tutti i partecipanti e i loro accompagnatori.

Credit photo: Aldo Zanardi