Ven02032023

Aggiornamento:12:14:02

Back Archivio MTB GF Antica Carsulae incorona Balducci e l'umbro Proietti

GF Antica Carsulae incorona Balducci e l'umbro Proietti

San Gemini (TR) - Straordinario successo per la decima edizione della Granfondo dell’Antica Carsulae – Memorial “Luigi Alpini”, che si è tenuta domenica 27 marzo a San Gemini (TR). Con oltre 700 bikers al via la Granfondo ha ripagato gli sforzi dell’A.S.D. La Base MTB Club Terni, società organizzatrice dell’evento, che ha così potuto celebrare nel migliore dei modi l’edizione del decennale.

La prova di San Gemini, valida come prima tappa dell’Umbria Challenge MTB 2011, ha aperto dunque in grande stile questo circuito di straordinario valore, che negli anni sta diventando sempre di più un punto di riferimento nel centro Italia per tutti gli appassionati delle ruote grasse. Partner istituzionale dell’Umbria Challenge è la Provincia di Perugia, il cui logo appare anche sulle maglie arancio destinate ai leader di categoria.
La Granfondo dell’Antica Carsulae ha tenuto a battesimo altri importanti circuiti, come il neonato I Sentieri del Sole e dei Sapori, il nuovissimo Etruria Bike Challenge (tosco-umbro-laziale) e la Steel Valley Mtb Cup.
La novità più importante riguarda sicuramente l’inserimento della GF nel calendario degli All Star della MTB italiana, una sorta di “circuito dei circuiti” con ben 15 regioni suddivise in tre gironi.
IL PERCORSO - Percorso lungo: 46 Km (dislivello 1540 metri). Percorso corto: 32 Km (dislivello 1100 metri)
Quello della GF dell’Antica Carsulae è il percorso panoramico tipicamente montano con ripide salite, discese tecniche e single-track impegnativi, sia su fondo erboso che sterrato. La salita inizia sin dalla partenza e, dopo il suggestivo passaggio all’interno delle rovine dell’Antica Carsulae, accompagna i concorrenti per i primi 14 km.
L’ascesa è intervallata da brevi tratti di pianura e caratterizzata all’inizio da pendenze poco accentuate, ma che diventeranno sempre più selettive lungo il Fosso dell'Eremita ed il Poggio Chicchirichì, portando i partecipanti a quota 1.001 metri. Giunti sui Prati si inizia a discendere prima sull'erba, poi in uno stretto sentiero all'interno del bosco.
Gradualmente si ricomincia a salire e, accompagnati da una fitta vegetazione, si giunge al primo ristoro. Qui una lunga discesa di 3.500 metri porterà i concorrenti nel piccolo agglomerato di case di Sarchiano e poi, affrontando tratti nervosi ed anche due salite abbastanza importanti, si arriverà finalmente a Cimaforca, da dove ci si potrà tuffare negli impegnativi e tecnici sentieri in direzione del paese di Portaria. I continui e successivi saliscendi, tutti molto pedalabili, serviranno ad arrivare al traguardo di San Gemini, non prima di aver attraversato la zona delle sorgenti della famosa acqua minerale.
LA GARA - Nel percorso lungo, a dominare da subito la scena sono i due superfavoriti Massimo Folcarelli, vincitore delle precedenti due edizioni della Granfondo, e Mirco Balducci, autentico protagonista di questo avvio di stagione (tre successi nelle prime tre prove del circuito Umbria Marathon MTB); ad inseguire a pochi secondi di distanza Giovanni Gatti e Renzo Vestri.
A fare la differenza è l’ultimo strappo in salita: primo posto con arrivo in solitaria per Mirco Balducci (Team Galluzzi Acqua & Sapone), secondo Massimo Folcarelli (Drake Team Cisterna), terzo Giovanni Gatti (Il Biciclo Team New Limits).
Nel percorso corto primo posto per Carlo Proietti (MTB Club Spoleto), che ha preceduto Tommaso Masciotti (Pedale Spellano) e Stefano Sensi (MTB Montefiascone).
Positiva l’analisi di Carlo Roscini, Presidente del Comitato Regionale FCi Umbria: «Il successo di questa Granfondo è il frutto del grande impegno profuso durante l’inverno dall’A.S.D. La Base MTB Terni e da tutte le società organizzatrici del circuito Umbria Challenge. Si è lavorato molto per cercare di trovare le soluzioni migliori, sia sotto il profilo tecnico che dell’accoglienza, e gli eccezionali risultati ottenuti sono sotto gli occhi di tutti. È stata premiata anche la volontà, mostrata da queste società, di investire risorse in un periodo di congiuntura economica sicuramente non favorevole. L’Umbria Challenge dimostra di anno in anno di essere in crescita e, insieme ad esso, l’intero movimento ciclistico umbro».


PERCORSO LUNGO: 1. Balducci Mirco (M1, Team Galluzzi Acqua e Sapone) in 1.49'38”; 2. Folcarelli Massimo (M2, Drake Team Cisterna) a 1'48”; 3. Gatti Giovanni (El, Asd Il Biciclo Team New Limit) a 5'13”; 4. Vestri Renzo (M3, Team Galluzzi Acqua e Sapone) a 5'13”: 5. Zamparini Giuseppe (M5, Ciclimontanini) a 7'; 6. Colaiacovo Matteo (Elm, Cicli Sport Mania Aquile Azz) a 7'30”; 7. Peruzzi Alessandro (Elm, A.S.D. Grams Bike) a 9'14”; 8. Bartolucci Massimiliano (M3, A.C.D. Ruota Libera) a 10'15”; 9. Gorietti Marco (M3, U.C. Petrignano A.S.D.) a 10'28”; 10. Cavaliere Rocco (Elm, Drake Team Cisterna) a 10'34”.

PERCORSO CORTO: 1. Proietti Carlo (Ju A.S.D. Mtb Club Spoleto) in 1.24'40”; 2. Masciotti Tommaso (Al, A.S.D. G.S. Pedale Spellano) a 1'14”; 3. Sensi Stefano (Ju, Mtb Montefiascone Asd) a 5'37”; 4. Proietti Federico (Es, Asd Soriano Ciclismo) a 7'34”; 5. Rastelli Marco (Ju, Drake Team Cisterna) a 10'39”; 6. Bellucci Paolo (Al, Mtb Montefiascone) a 12'44”; 7. De Santis Fulvio (Ju, Superbike Team) a 15'05”; 8. Andreoni Matteo (Ju, Mtb Montefiascone Asd) a 15'11”; 9. Carloni Alessandro (Ju, Mtb Montefiascone) a 16'22”; 10. Perugini Romina (Wm, A.S.D. Bikeland Team) a 16'32”.

MAGLIE ARANCIO

DONNE: Romina Perugini (Team Bikeland 2003)
GIOVANI: Tommaso Masciotti (Pedale Spellano)
JUNIORES: Carlo Proietti (MTB Club Spoleto)
ELITE/U23: Giovanni Gatti (Il Biciclo Team New Limits)
ELITE SPORT: Matteo Colaiacovo (Cicli Sport Mania Aquile Azzurre)
MASTER 1: Mirco Balducci (Team Galluzzi Acqua & Sapone)
MASTER 2: Massimo Folcarelli (Drake Team Cisterna)
MASTER 3: Renzo Vestri (Team Galluzzi Acqua & Sapone)
MASTER 4: Ernelio Massarucci (Bicimania La Base Terni)
MASTER 5: Giuseppe Zamparini (Ciclimontanini.it)
MASTER 6: Gianni Battistelli (Centro Bici Team Terni)

 

 

 

Fonte: c.s. Nicola Fredii