Lun08102020

Aggiornamento:09:55:35

Back Archivio Pista News da ciclismo su strada, amatoriale e fuoristrada 13 luglio 2020

News da ciclismo su strada, amatoriale e fuoristrada 13 luglio 2020

 

 

FIRENZE-VIAREGGIO

Relativamente alla situazione generale venutasi a creare a causa del COVID 19 che ha generato incertezze riguardo alle direttive legislative per lo svolgimento delle manifestazioni sportive programmate per le prossime settimane, l’A.S. Aurora ha deciso a malincuore di annullare la 74° Firenze-Viareggio, corsa ciclistica dilettantistica élite-under 23 del 15 Agosto 2020. La gara è rimandata al 15 Agosto 2021, data in cui si festeggeranno i 75 anni dalla prima edizione.“Abbiamo aspettato fino all’ultimo un’apertura normativa che rendesse più agevole l’organizzazione della corsa -afferma il Presidente dell’A.S. Aurora Giampaolo Ristori -ma la notizia di un possibile prolungamento dello stato di emergenza fino al 31 Dicembre 2020 ci ha definitivamente fatto desistere dal realizzare la 74° edizione della nostra amata corsa. E’ per noi un immenso dispiacere -aggiunge Ristori –e ringrazio tutti gli sponsor che non ci hanno mai fatto mancare il loro sostegno, insieme al Comune di Firenze e al Comune di Viareggio che ci avevano dato la loro disponibilità per lo svolgimento della manifestazione”.“Numerosi problemi tecnici di difficile soluzione non ci hanno permesso di svolgere l’edizione 2020 della Firenze -Viareggio -afferma il Presidente OCIP Pistoia Alessandro Becherucci -. La mancanza ad oggi di un Dpcm che autorizzi lo svolgimento delle gare minori, i tempi tecnici da rispettare per ottenere i permessi dalle varie autorità,l’ordinanza di divieto ai velocipedi nel tratto di strada compreso fra Montecatini e Margine di Momigno, tradizionale percorso della manifestazione, l’assenza di pubblicoin sede di partenza e arrivo per il divieto di assembramentie la complicata accoglienza delle squadre nei complessi alberghieri, -conclude Becherucci-sarebbero state solo alcune delledifficoltà da superare con un notevole aggravio di costi difficilmente sostenibili dall’organizzazione.

 

 

TEAM OROVERDE BITONTO

Due giorni per un vero e proprio viaggio in autosufficienza, senza rilevamento tempi e senza classifiche, tra le meraviglie paesaggistiche della Murgia. Scaricata la traccia sui propri dispositivi non bisognava fare altro che pedalare per guadagnarsi i punti più belli e suggestivi del percorso mettendo in campo esperienza, abilità tecniche, resistenza e chi più ne ha. Complimenti agli atleti del Team Oroverde che hanno saputo vivere, al meglio delle loro capacità, questa fantastica esperienza portando a casa un bagaglio di emozioni, ricordi, esperienza....

 

 

VELO CLUB MENDRISIO

Il professionista Vallesano del Team Androni Giocattoli vince la 4a edizione della Grono-Rossa stabilendo il nuovo record di percorrenza in 38’00”, ha preceduto di 5″ il talentuoso corridore del VC Mendriso Hellemose Asbjorn e di 8″ il ticinese Marco Ghirlanda (VC Mendrisio) 9° Roger Devittori. Tra gli under-19: 12° Zenith Pradella, 14° Alessandro Boto e 22° Mattia Pizzica (1° cat. U-13) Edizione da record anche per il numero di partecipanti, ben 178 i partenti che si sono cimentati nella 4a edizione della Grono Rossa.

 

 

ANDRONI SIDERMEC

Pedalare verso un ritorno alla normalità. È quello che sta succedendo anche in casa Androni Giocattoli Sidermec. Il team è pronto a ripartire tra una decina di giorni dalla Romania e dal Sibiu Tour. Nell’attesa, dopo le esperienze, con tanto di successi, nelle gare virtuali, arrivano anche le prime pedalate quasi ufficiali extra allenamento. È in questo contesto che si inquadra la Grono-Rossa, gara svizzera in salita che sabato ha visto proprio la vittoria del corridore dell’Androni Giocattoli Sidermec Simon Pellaud. Il 27enne vallese dei campioni d’Italia ha stabilito il record della cronoscalata sui 18 chilometri (732 metri di dislivello) percorrendola in 38 minuti. Alle sue spalle due corridori del Velo Club Mendrisio: il danese Abjorn Hellemose (a 5”) e il ticinese Marco Ghirlanda (a 8”). «È stato bravo Simon Pellaud ad imporsi in questa particolare prova del calendario svizzero» commenta il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio. «Fra dieci giorni il nostro corridore parteciperà al Sibiu Tour in Romania, dove potremo schierare solo gli atleti europei e non i sudamericani, ancora bloccati dalla quarantena post Coronavirus».

 

 

TEAM FORTEBRACCIO

In attesa del Campionato Italiano a Cronometro del 1 agosto che si svolgerà proprio a Città di Castello, gli Allievi della Fortebraccio sono stati impegnati nella gara in pista a Firenze, sul Velodromo Enzo Sacchi. Samuele Scappini conquista nella 72esima Coppa Lavoratori, un meritato terzo posto nella Specialità inseguimento 3 km e 200 metri lanciata. Il corridore umbro si piazza dietro ai due toscani della Fosco Bessi, specialisti della pista: Riccardo Lorello e Nicolo Sitera. 12esima posizione per l'altro alfiere della Fortebraccio, Tommaso Brunori.

 

 

 

ENGADIN BIKE GIRO

È stata la prima gara a tappe dopo il blocco Covid in Europa centrale: in Svizzera all’Engadin Bike Giro, Alessandra Keller e Simon Vitzthum si sono assicurate la vittoria complessiva della gara a tappe di tre giorni. È stato il primo grande incontro tra alcuni specialisti della lunga distanza e una manciata di atleti XC internazionali. Alla fine, Alessandra Keller (Thömus RN Racing Team) ha vinto la prova femminile, mentre la vittoria maschile è stata un vero trionfo di Simon Vitzthum (jb Brunex Felt) davanti a Lukas Flückiger (Infinity).

Continua a leggere su https://www.solobike.it/engadin-bike-giro-keller-e-vitzthum-trionfano-dopo-il-covid/

 

 

STAGE BMX ESORDIENTI-ALLIEVI A VERONA

Una domenica mattina con un gran bel gruppo di esordienti e allievi ieri a Verona. Sono stato veramente contento di poterne vedere una ventina tutti insieme. Si è creato un gruppo di lavoro utile sia per noi come Squadra Nazionale che per loro in termini di confronto. Tanti non si vedevano da mesi. È un percorso che vorrei portare avanti, soprattutto in questo periodo che non siamo impegnati con trasferte di gara (Tommaso Lupi)

 

 

GRAND TOUR LOMBARDIA

Quando le cose stavano al loro posto, insieme alle stagioni, c'era il Giro di Lombardia (e c'è ancora, non vi allarmate, anche se quest'anno non si sa bene): una delle cinque classiche Monumento, per gli amici la Classica delle foglie morte, non tanto con Prévert o García Márquez, quanto perché era la gara che aveva il compito di chiudere la stagione ciclistica italiana. Prima ancora, e in altri àmbiti, era stato il tempo del Grand Tour, il viaggio di formazione in Europa, nato in principio a completare l'educazione dei rampolli della perfida Albione e di Francia e Germania, che aveva come méta d'elezione il Belpaese, fino acoincidere con il solo Viaggio in Italia, di Goethe e tanti poeti laureati. Grand Tour Lombardia. Oggi nasce il Grand Tour Lombardia (GTL), a celebrare tanta tradizione e letteratura di viaggio e di ciclismo: cicloturismo sportivo di prossimità, in autonomia, condiviso in logica social, ideato e promosso da Turbolento Thinkbike SSD. GTL è insieme cifra ed evoluzione naturale del grande progetto Le Strade Zitteche ha visto nell'arco degli ultimi venticinque anni Turbolento esplorare, attraversare, disegnare e presidiare itinerari ciclistici di qualità su strade secondarie e meno battute - in tempi più recenti anche sul brecciolino (Gravel Roads) - che appartengono al patrimonio del territorio e del paesaggio italiano. Un patrimonio che Turbolento porta a disposizione di chi le voglia conoscere e percorrere. Oggi con un contenuto innovativo e un significato ulteriore.

Continua a leggere al link

https://www.tuttobicitech.it/article/2020/07/09/1594215077/grand-tour-lombardia-la-nuova-avventura-turbolento-gtl

 

 

 

VINI ZABU' KTM

Una due giorni nerissima per la Vini Zabù - KTM che dopo l'incidente occorso ad Andrea Di Renzo registra la seconda clavicola rotta in meno di 24 ore. Lo sfortunato protagonista è stavolta Edoardo Zardini che si stava allenando sulla Strada Statale 12 in direzione Domegliara non è riuscito ad evitare l'impatto con un cane che proprio in quel momento stava attraversando la strada. Zardini è ricaduto sulla clavicola sinistra, la stessa fratturata durante la scalata dell'Etna nella 6^ tappa del Giro d'Italia 2018. Sconforto e malumore per il team che si trova a perdere due elementi preziosi in due giorni e che augura anche a Zardini una pronta guarigione.