Lun05162022

Aggiornamento:07:41:02

Back Archivio Pista L'impegno della FCI per la Nazionale di ciclismo femminile afghana

L'impegno della FCI per la Nazionale di ciclismo femminile afghana

 

 

Anche la Federazione Ciclistica Italiana è impegnata in questi giorni, concretamente e con la discrezione che la delicatezza della situazione richiede, per aiutare la popolazione afghana e in particolare le donne cicliste.

Subito dopo il precipitare della situazione in quel paese, infatti, i vertici federali, anche raccogliendo l'invito del sottosegretario Vezzali, hanno attivato canali istituzionali e contatti diretti con il Dipartimento allo Sport del Governo e il Ministero degli Esteri per trovare un’immediata soluzione alle atlete della Nazionale di ciclismo afghana e ai propri familiari, che sono adesso in grave difficoltà per la situazione di essere donne sportive e donne in bicicletta.

L’obiettivo immediato degli sforzi del Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali, della FCI e del Dipartimento allo Sport, in stretta collaborazione con il Ministero degli Esteri, è quello di riuscire a far uscire dal paese le atlete e garantire così la loro incolumità.

Il presidente Dagnoni ha voluto ricordare, in questo momento drammatico: “Faremo di tutto perché le cicliste afghane possano continuare ad allenarsi e gareggiare. La cosa più importante in questo momento è quella di riuscire a farle uscire dal paese. Poi penseremo a come metterle nella condizione di poter svolgere lo sport che amano e che rappresenta, oggi più che mai, un simbolo di libertà e uguaglianza.

Ci tengo a ringraziare Francesca Monzone per quanto fatto e sta facendo in questo frangente per il movimento ciclistico femminile di quel paese."