Lun05162022

Aggiornamento:07:41:02

Back Archivio Vetrina - Eventi L’UCI annuncia importanti innovazioni nelle discipline off-road

L’UCI annuncia importanti innovazioni nelle discipline off-road

 

 

Riunitosi il 21 e 22 settembre a Bruges (Belgio) in occasione dei Campionati del Mondo su strada UCI 2021 nelle Fiandre, in occasione del centenario della manifestazione, il Comitato direttivo dell’Union Cycliste Internationale (UCI) ha preso una serie di decisioni importanti, in particolare per quanto riguarda le discipline off-road del ciclismo.

A partire dalla stagione 2022 della Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup, il cross-country short track (XCC) avrà una propria classifica generale, come già avviene per il cross-country olimpico (XCO) e il downhill (DHI). Ciò significa che un vincitore della Coppa del Mondo UCI per questa specialità sarà incoronato alla fine della stagione sia nella competizione maschile che in quella femminile. Allo stesso tempo, la XCC continuerà, come oggi, ad avere un ruolo nel decidere le posizioni dei corridori sulla griglia di partenza degli eventi XCO (i 24 corridori più alti nelle prime tre file). I punti guadagnati nella XCC continueranno anche a contare per la classifica di Coppa del Mondo UCI per XCO.

Sempre in tema di innovazioni, una nuova disciplina, la gravel, si unirà al calendario internazionale UCI Cycling for All nel 2022. Dal prossimo anno, l’UCI organizzerà – in collaborazione con l’organizzatore di eventi Golazo – una UCI Gravel World Series composta da eventi che permetteranno agli atleti di qualificarsi per i Campionati del Mondo UCI Gravel. Questa disciplina combina elementi della strada e della mountain bike e si svolge principalmente su strade non asfaltate (ghiaia, sentieri forestali, strade agricole, ciottoli, ecc). Le gare dell’UCI World Series saranno eventi a partecipazione di massa.

Un’altra nuova iniziativa, un test event per una staffetta a squadre di ciclocross (cyclo-cross team relay), avrà luogo durante l’edizione 2022 dei Campionati del mondo di ciclocross UCI che si terranno a Fayetteville, Arkansas (USA) il 29-30 gennaio. Questo evento di prova sarà poi valutato in vista di una potenziale integrazione della staffetta a squadre nel programma dei Campionati del mondo di ciclocross UCI in futuro.

Infine, lo sviluppo della snow bike continua e l’UCI sta esplorando nuove possibilità per organizzare una Coppa del Mondo UCI Snow Bike e Campionati del Mondo UCI Snow Bike per la stagione invernale 2022-2023. Un’analisi è attualmente in corso e i suoi risultati saranno presentati al comitato direttivo dell’UCI nel gennaio 2022.

Diverse decisioni sono state prese dal Comitato direttivo dell’UCI per continuare a sviluppare il ciclismo femminile su strada.

A partire dal 2023, sarà introdotto lo status di ciclista neo-professionista nell’UCI Women’s WorldTeams, secondo lo stesso modello che esiste già per le squadre professionistiche maschili. Questo status andrà alle cicliste con meno di 23 anni che firmano il loro primo contratto con un UCI Women’s WorldTeam.

I salari minimi regolamentari sono stati aggiornati per le stagioni dal 2023 al 2025, anche per le neo-professioniste. Il salario minimo sarà quindi lo stesso per i corridori degli UCI Women’s WorldTeam e degli UCI ProTeam (uomini) nel 2023. Continuerà poi ad aumentare per gli UCI Women’s WorldTeams, con l’obiettivo che questo salario minimo sia identico per gli UCI Women’s WorldTeams e gli UCI WorldTeams il più rapidamente possibile.

Inoltre, in un’ottica di coerenza e visto il gradito aumento del numero di strutture che comprendono sia squadre maschili che femminili, il Comitato di Gestione dell’UCI ha deciso di allineare la durata e le condizioni di attribuzione delle licenze UCI WorldTour e UCI Women’s WorldTour per le squadre. Questo allineamento entrerà in vigore a partire dalla stagione 2026, dopo un periodo di transizione di due anni nel 2024 e 2025.

Infine, l’UCI accoglie con favore la creazione di una versione femminile del Tour de Romandie, una corsa a tappe UCI WorldTour in Svizzera, che si unirà all’UCI Women’s WorldTour nel 2022.

Per quanto riguarda la stagione 2022, il Comitato di Gestione UCI ha approvato i seguenti calendari:

  • Calendario Internazionale UCI Strada 2022*
  • Calendario Internazionale UCI Mountain Bike 2022
  • 2022 Coppa del Mondo UCI Mountain Bike Eliminator
  • 2022 Coppa del Mondo UCI E-Mountain Bike Cross-country
  • Calendario Internazionale UCI BMX 2022
  • 2022 Coppa del Mondo UCI BMX
  • Calendario Internazionale UCI BMX Freestyle 2022
  • Calendario Internazionale UCI di Paraciclismo 2022
  • Calendario Internazionale UCI Trials 2022
  • 2022 UCI Gran Fondo World Series.

* Tutte le categorie di eventi, ad eccezione delle gare UCI WorldTour e UCI Women’s WorldTour, i cui calendari 2022 erano già stati approvati, rispettivamente dal Professional Cycling Council e dal Management Committee dell’UCI nel mese di giugno.

Questi calendari, insieme a tutte le modifiche regolamentari approvate dal Comitato Direttivo dell’UCI, saranno
pubblicati sul sito dell’UCI (www.uci.org) il 1° ottobre.

I membri del Comitato direttivo hanno accolto con favore il lancio ufficiale del nuovo sito web dell’UCI il 20 settembre. Con un design più moderno e una migliore navigazione, è più facile da usare. L’obiettivo della riprogettazione è quello di soddisfare meglio le aspettative e le esigenze dei media, delle Federazioni nazionali e di tutte le parti interessate del ciclismo.

Nell’ambito della lotta contro tutte le forme di abuso nel ciclismo, dove l’UCI è molto attiva, il Comitato Direttivo ha accolto con favore la nomina da parte dell’UCI di un Integrity and Education Manager che si unirà alla Federazione molto presto. Questa persona sarà incaricata di realizzare corsi di educazione e sensibilizzazione per tutte le famiglie del ciclismo. La persona gestirà anche il sistema di segnalazione, in particolare per le molestie e gli abusi. La missione dell’Integrity and Education Manager sarà quella di sostenere le potenziali vittime di molestie, guidandole nella giusta direzione per intraprendere le azioni appropriate. In termini di educazione, questa persona sarà incaricata di attuare un programma che informerà le parti interessate sui tipi di condotta che violano il Codice etico dell’UCI e di garantire che siano consapevoli delle sanzioni applicabili in caso di violazione. Poiché l’educazione è fondamentale in tutte le attività legate all’integrità, la nomina di una persona di riferimento per le diverse parti interessate è un passo avanti decisivo.

Anche per quanto riguarda l’integrità, il Comitato Direttivo ha deciso di sospendere provvisoriamente la Federazione Ciclistica Messicana per gravi violazioni degli obblighi cui è soggetta in base alla Costituzione dell’UCI, in particolare quando si tratta di governance e processi elettorali. Questa sospensione è accompagnata da chiare condizioni per essere revocata, legate in particolare alla revisione dei regolamenti e allo svolgimento di nuove elezioni che si basano su questi.

Dopo l’approvazione da parte del Comitato direttivo dell’UCI, nel giugno 2021, delle nuove linee guida dell’UCI in materia di sostenibilità e di obiettivi di sostenibilità dettagliati, l’UCI ha lavorato alle fasi successive della sua strategia di sviluppo sostenibile. Comunicate al Comitato Direttivo dell’UCI, queste includono: il calcolo dell’impronta di carbonio dell’UCI, con specifiche misure di riduzione da definire nei prossimi mesi, lo sviluppo di un piano di impegno per la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) che si terrà a Glasgow (GBR) a novembre e lo sviluppo di iniziative di educazione riguardanti l’agenda mondiale sul clima, sia per l’UCI che per i suoi stakeholder. L’UCI continuerà a lavorare con le sue parti interessate per mettere a punto una lista di obiettivi per le famiglie del ciclismo (organizzatori di eventi, federazioni nazionali, squadre, corridori, ecc.) che sarà presentata al Comitato direttivo dell’UCI nel 2022.

Per quanto riguarda la gestione della pandemia Covid-19, è stato deciso, data l’incertezza sull’evoluzione della situazione sanitaria internazionale per i prossimi mesi, di prorogare le disposizioni speciali in vigore per il ciclismo su strada fino alla fine di febbraio 2022. Nuove misure potrebbero essere prese all’inizio del 2022 in funzione dell’evoluzione della pandemia e del tasso di vaccinazione in gruppo.

Nonostante l’assenza di prove scientifiche del miglioramento delle prestazioni da parte dei chetoni e come parte dell’impegno dell’UCI per uno sport onesto e credibile, il Comitato Direttivo dell’UCI – come il Consiglio del Ciclismo Professionistico nella sua riunione del 20 settembre – ha chiesto che venga lanciato un ulteriore studio scientifico per chiarire la questione. In attesa dei risultati dello studio, l’UCI raccomanda ai corridori di astenersi dall’uso di questa sostanza.

Dopo i due giorni di riunione, il presidente dell’UCI David Lappartient ha dichiarato: “Il ciclismo continua a innovare, questa volta nel fuoristrada con la creazione di una nuova classifica molto interessante per la mountain bike cross-country short track, il riconoscimento del gravel – una disciplina aggiuntiva e in rapida espansione – il lancio di un nuovo formato di squadra nel ciclocross e l’esplorazione di nuove strade per lo sviluppo della snow bike. Sono stati fatti progressi anche nel ciclismo femminile che continua a diventare più professionale attraverso misure volte a contribuire a colmare qualsiasi divario, in termini di sviluppo, tra il ciclismo femminile e quello maschile”.