Dom05222022

Aggiornamento:11:22:06

Back Archivio Vetrina - Eventi Convegno Giudici di Gara FCI: due giorni di incontri per ripartire di slancio

Convegno Giudici di Gara FCI: due giorni di incontri per ripartire di slancio

A1409a55 E9f0 48Df A331 D1c97fc5a95b

 

 

Si sono svolti nel fine settimana del 14 e 15 gennaio una serie di incontri della Commissione Nazionale Giudici di Gara con le varie componenti federali. “A causa della pandemia non è stato possibile realizzare il previsto Convegno dei Giudici di Gara a Riccione – spiega Gianluca Crocetti, presidente della stessa Commissione -. Convegno che avevamo programmato come fondamentale momento di confronto per impostare nel migliore dei modi il quadriennio. L’annullamento ci ha costretti a ripensare ma non a rinunciare a questo passaggio. Così è nato l’appuntamento dello scorso fine settimana, durante il quale tutta la CNGG, riunita a Roma, ha avuto modo di incontrare le diverse e numerose componenti che operano nel mondo del ciclismo e delle gare”.

Un programma intenso di lavori e incontri, tutti rigorosamente online, hanno caratterizzato i due giorni, a cominciare dal confronto con le Commissioni regionali dei Giudici di Gara e con i Giudici sportivi regionali. “Per la prima volta nella storia della FCI – ha ricordato Crocetti – i componenti della Commissione Nazionale e il Giudice Sportivo Nazionale (anch’egli presente a Roma, ndr) si sono seduti attorno ad un tavolo (anche se virtuale) con i componenti delle commissioni regionali e giudici sportivi. Un passaggio che è stato unitariamente giudicato positivamente da tutti i partecipanti. Ha permesso di guardarci negli occhi, conoscerci meglio, capire le esigenze del territorio ed uniformare le risposte a problematiche comuni”.

L’incontro ha offerto l’occasione anche di illustrare le linee guida che la CNGG intende seguire nei prossimi anni e di presentare il programma informatico GARS, che sarà, in futuro, fondamentale per l’attività dei giudici, sia per quanto riguarda gli aspetti legati alle designazioni e ai rimborsi, che per la raccolta dei documenti ufficiali prodotti dai commissari nello svolgimento delle loro funzioni.

Gli incontri sono proseguiti nella giornata di sabato con l’intervento del presidente federale Cordiano Dagnoni, che ha portato il saluto di tutta la FCI e del Consiglio (alcuni dei membri presenti anche in video conferenza): “I giudici di gara svolgono una funzione fondamentale nel ciclismo e il loro impegno e la loro passione meritano, solo per questo, tutta la nostra riconoscenza. Un ringraziamento particolare a Gianluca Crocetti e a tutta la Commissione Nazionale, che ha fortemente voluto questo appuntamento per parlare, discutere, capire e soprattutto condividere. Credo che interpreti bene il carattere distintivo di questa nuova Federazione: condividere le esperienze per crescere.”

In occasione dell’incontro con le Commissioni tecniche federali e la Commissione Nazionale Direttori di Corsa e Sicurezza sono state affrontate le norme di casistica, permettendo di tracciare linee comuni di interpretazione dei regolamenti federali, e fissare il punto sui rapporti di gara e le tabelle punizioni, rivisitate in base alle norme UCI.

I componenti la CNGG hanno poi partecipato ad una tavola rotonda che ha coinvolto rappresentanti di tutti i soggetti che, a vario titolo, partecipano ad una gara: organizzatori, direttori sportivi, rappresentanti dei media tv, radio corsa. Infine l’intenso giro di incontri è terminato con il punto conclusivo realizzato con i Commissari internazionali e i Commissari Nazionali Elite.

“Certo, dispiace non aver potuto realizzare il Convegno – ha concluso Crocetti -. Sarebbe stata l’occasione per affrontare tutti questi temi in presenza, permettendo di conoscerci meglio e dando spazio a maggiori approfondimenti. Nonostante ciò, però, questi due giorni sono stati formativi e ricchi di spunti. I feedback che ho ricevuto mi convincono che abbiamo gettato le basi per un lavoro futuro proficuo, in grado di migliorare ancora la qualità del nostro operare e, in generale, il livello complessivo delle gare.”

Antonio Ungaro