Guide Cicloturistiche Piemonte: accordo tra FCI e Formont

 

 

Dall'ottobre del 2012 la Federazione Ciclistica Italiana, con l'attività del Centro Studi, lavora per formare Guide Cicloturistiche Sportive abilitate su tutto territorio nazionale in risposta ad un crescente utilizzo della bicicletta come mezzo per la conoscenza del territorio e strumento di vacanza. Si tratta di figure che, oltre ad una conoscenza approfondita della tecnica del mezzo utilizzato, accompagnano in percorsi cicloturistici, fornendo informazioni generali sul territorio, illustrando le zone di pregio naturalistico e ambientale, i siti di interesse artistico, storico e culturale attraversati, con conoscenze specifiche della normativa della regione in cui operano e con competenze di base del primo soccorso.

Tale figura è stata da tempo riconosciuta in diverse regioni con diverse denominazioni; nella quasi totalità viene evidenziato il ruolo fondamentale della FCI nella loro formazione.

Per quanto riguarda la legge della regione Piemonte, in questi giorni è stato siglato un accordo con Formont che prevede la collaborazione per la formazione della figura di Accompagnatore Cicloturistico della Regione e quella di Guida Ciclo-Turistica-Sportiva in ambito federale.

Un corso che ne vale tre; questa la sintesi dell’accordo siglato tra Formont e Federazione Ciclistica Italiana, finalizzato a potenziare la formazione dei futuri Accompagnatori Cicloturistici della Regione Piemonte, figure chiave per lo sviluppo del cicloturismo su tutto il territorio.

«L’Accordo» spiega Roberto Vaglio, Amministratore Delegato di Formont, «prevede che i programmi di tutti i corsi da Accompagnatore Cicloturistico che verranno attivati d’ora in avanti da Formont in Regione Piemonte, siano integrati con i contenuti delle abilitazioni della FCI di “Maestro Istruttore Categorie Promozionali e Giovanissimi (TI2)” e “Guida Ciclo-Turistica-Sportiva”, mantenendo il numero di 286 ore totali e nel rispetto di quanto previsto dalla normativa regionale».

L’obiettivo è quello di arricchire la formazione di questi professionisti certificandola sia con l’abilitazione riconosciuta da Regione Piemonte, Repubblica Italiana e Unione Europea, che con quelle della FCI; questo consentirà ai nuovi Accompagnatori di acquisire competenze culturali e tecniche per garantire agli accompagnati un servizio professionale qualitativamente sempre più elevato, anche in termini di sicurezza nella pratica di questa attività.

«La Federazione» spiega Daniela Isetti, Vicepresidente Vicario della FCI «si occuperà di curare tutti gli aspetti formativi finalizzati al conseguimento delle abilitazioni federali avvalendosi di Docenti e Istruttori del Centro Studi federale per un totale di 128 ore teorico-pratiche. Inoltre i nostri Docenti e Istruttori verificheranno le competenze tecniche sia in fase di selezione che in quella di esame finale. Mettiamo così a disposizione di questa figura tutto il know how e la struttura formativa federale, ben rappresentata dal Comitato Regionale Piemontese, in un contesto che si preannuncia di grande sviluppo per questa attività, tenuto conto degli scenari previsti in futuro, quando i flussi turistici saranno prevalentemente “domestici”».

Importante sottolineare che il corso prevede il riconoscimento di crediti formativi non solo per chi è già in possesso di altre abilitazioni turistiche riconosciute dalla Regione Piemonte, ma anche per i tesserati FCI che siano già abilitati come “Maestro Istruttore Categorie Promozionali e Giovanissimi” (o titoli superiori) e “Guida Ciclo-Turistica- Sportiva”, permettendo loro di frequentare solo una parte del corso.

Il primo corso che verrà attivato con questa nuova formula verrà proposto presso il Centro Operativo Formont Valsesia tra settembre 2020 e aprile 2021.

«Il territorio oggetto del corso» precisa Vaglio «presenta delle forti potenzialità di sviluppo del mercato cicloturistico ed è già stata costituita una cordata di enti, amministrazioni locali, associazioni turistiche e sportive a sostegno dell’iniziativa».

L’area si estende infatti dalle montagne di Alagna, con le potenzialità offerte dal comprensorio Monterosa Ski, alle colline di Gattinara con gli itinerari tra le vigne, comprende il biellese con il parco naturale dell’Oasi Zegna e la zona delle “Rive Rosse”, fino ad arrivare al novarese con il parco naturale del Monte Fenera, i ben noti tracciati di Pogno, l’area del Mottarone, i panorami mozzafiato offerti dai laghi Orta e Maggiore, i percorsi di devozione dei Sacri Monti.

Tutti i dettagli relativi a calendario, contenuti e modalità di iscrizione sono disponibili su www.formont.it o contattando la Segreteria didattica del Centro Operativo Valsesia.

INFORMAZIONI

FORMONT Valsesia - P.zza G.Calderini 10 – 13019 Varallo (VC) Tel. 0163 564420 – E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
CENTRO STUDI FCI - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.