Mar08092022

Aggiornamento:10:24:51

Back Gran Fondo Presentazioni Granfondo Strade Bianche: cronometrati gli ultimi due tratti di sterrato Colle Pinzuto e Le Tolfe

Granfondo Strade Bianche: cronometrati gli ultimi due tratti di sterrato Colle Pinzuto e Le Tolfe

 

Grazie alla partnership con Garmin e a Pirelli quest’anno agli iscritti della Gran Fondo Strade Bianche verrà offerta una grande novità: sugli ultimi due tratti di sterrato, Colle Pinzuto e Le Tolfe, i tempi di tutti i partecipanti verranno cronometrati.

Garmin sponsorizzerà il settore numero 9, quello di Colle Pinzuto, e metterà a disposizione due Varia Radar per l’uomo e la donna più veloci.

A Pirelli invece sarà dedicato il settore numero 10, ovvero le Tolfe. Qui saranno premiati il più giovane e il più vecchio delle categorie uomo e donna, che riceveranno del materiale Pirelli.

Entrambi i settori fanno parte sia del percorso lungo che del medio, così da garantire a tutti i 6000 atleti la possibilità di partecipare alla sfida, che sarà segnalata all’inizio e alla fine da delle paline con il nome dello sponsor dedicato.

I vincitori verranno contattati dall’organizzazione della gara e saranno premiati all’Expo Village all’interno della Fortezza Medicea.

Alla fine della manifestazione le classifiche con i tempi dei partecipanti verranno pubblicate sul sito della Gran Fondo e tutti potranno andare a controllare la propria prestazione, analizzarla, confrontarla con amici, rivali e compagni di squadra.

E pensare già a riprovarci l’anno prossimo.

 

 

TOMMASO ELETTRICO ALLA GRANFONDO STRADE BIANCHE

Pedalare nella Leggenda. Pedalare lungo le strade che ventiquattro ore prima avranno visto protagoniste le Women Elite, il percorso lungo della granfondo è lo stesso in cui si misureranno le ragazze, mentre quello corto coincide con il primo fino a Murlo, dove si separa verso destra con un settore sterrato e una discesa fino Monteroni d’Arbia. Pedalare sognando la conquista del successo nella straordinaria cornice di Piazza del Campo. Un’ emozione indimenticabile che il materano Tommaso Elettrico ha provato nella stagione 2018 conquistando il successo assoluto nella terza edizione e il secondo posto lo scorso anno. Domenica prossima, la partenza dalla Fortezza Medicea segnerà anche l’esordio stagionale per Elettrico, che a causa di problemi fisici accusati tra la fine del 2021 e l’inizio del nuovo anno è stato costretto a modificare la preparazione e non partecipare alla Granfondo Internazionale Laigueglia.

 

 

Una Gran Fondo per 6.000 amatori quella che ci si appresta a vivere domenica sugli sterri senesi diventati famosi anche grazie alla corsa dei professionisti della Strade Bianche. La Gran Fondo Strade Bianche by Enel offre un percorso con panorami mozzafiato, senza eguali nel mondo, e che gli amatori sentono ormai loro e amano particolarmente. Il taglio del nastro da parte del Sindaco di Siena Luigi De Mossi, con l’assessore al turismo Alberto Tirelli, l’assessore allo sport Paolo Benini e con Andrea Trabuio, Head of Mass Events di RCS Sport, ha dato il via alla tre giorni delle Strade Bianche I PERCORSI Domenica 6 marzo prenderà il via la Gran Fondo Strade Bianche più bianca di sempre. Rispetto alla scorsa edizione infatti il percorso lungo è stato aggiornato: i chilometri salgono da 139 a 142 e i tratti sterrati da 8 diventano 10, con l’esordio del settore n° 5 di Serravalle e il n° 7 di Monte Sante Marie – quello dedicato a Fabian Cancellara, lo stesso che ogni anno fa la differenza nella gara dei professionisti. Due settori lunghi e impegnativi, rispettivamente 10.7 e 11.5km, che regaleranno agli oltre 6000 iscritti nuovi scenari, scorci inediti ed emozioni uniche. Rispetto all’edizione passata ci saranno quindi oltre 22 km in più di sterrati, per un totale di quasi 55 km di strada bianca, il 38,5% del percorso. Dunque meno asfalto e più ghiaia, per un tracciato più tecnico ed esigente che rispecchia ancora di più la vocazione di questa gara e di queste terre. Dove ciò che conta davvero è pedalare assieme immersi nella bellezza dei paesaggi senesi fino al traguardo, incomparabile, di Piazza del Campo.