Mar04232024

Aggiornamento:10:22:25

Back Gran Fondo Presentazioni Successo a tutto tondo della Granfondo Internazionale Alè La Merckx

Successo a tutto tondo della Granfondo Internazionale Alè La Merckx

 

 

La 16^ edizione della Granfondo internazionale Alé La Merck chiude oggi il lungo weekend di grande ciclismo veronese, con la vittoria nel percorso lungo del trentino Andrea Bais e della leccese Maria Elena Palmisano.

L’evento, che è uno dei più amati e spettacolari del Nord-Est italiano e uno dei Grandi d’Europa, ha visto quest’anno diverse novità, a partire dal villaggio Expo, situato per la prima volta nella storia della manifestazione nella famosa piazza Bra, proprio di fronte alla celebre Arena.

Allo start tante celebrità del mondo del pedale, tra cui diversi rappresentanti dei team World Tour di cui Alé, main sponsor dell’evento, è partner. Dalla maglia ciclamino del Giro d’Italia 2023 Jonathan Milan (team Bahrain Victorious) – che per l’occasione sfoggiava una livrea custom Alé color ciclamino – al campione italiano in carica Filippo Zana (team Jayco Alula), al neozelandese Laurence Pithie (Groupama FDJ) fino a Sonny Colbrelli, Adriano Malori e tanti altri.

Novità 2023 è stato il cambio di tracciato per il circuito principe. Rispetto al vecchio, infatti, i ciclisti da Erbezzo hanno deviato verso Bosco Chiesanuova, dirigendosi verso il passo del Branchetto.

Qui hanno affrontato una serie di salite, discese e falsipiani, fino all’ultimo tratto a circa 2km dalla cima, con una pendenza massima dell’11%. Dopo il passo del Branchetto, Cima Coppi della granfondo, il circuito procedeva verso Velo Veronese, Roverè Veronese, Cerro Veronese. In prossimità di Grezzana il percorso si è poi ricollegato al circuito tradizionale.

Dopo una gara avvincente, e gestita con attenzione e maestria, la classifica finale della Granfondo Maschile vede la vittoria di Andrea Bais, seguito dal secondo posto dell’austriaco Stefan Kirchmair (Team Sildom Garda pett. 230) (1’ e 54” da Bais), ed il terzo posto di Francesco Romano (ASD Team Nuova Avir) arrivato a 2’ 01” dal trentino.

 

La gara delle donne, come già per l’edizione 2022, è stata vinta dall’insegnante leccese del team ASD Garda Scott Matergia (pett. 258) Maria Elena Palmisano, che ha condotto una gara in totale solitudine, insieme ad alcuni compagni di squadra, dopo una fuga iniziata a circa 10 km dalla partenza.

La Palmisano, che quest’anno è in splendida forma con diverse vittorie alle spalle, è una amante delle salite e, con il suo passo preciso e cadenzato, è salita verso il traguardo delle Torricelle, vincendo dopo 4h 16’ 54” di gara, condotta ad una media di 31 km/h. E’ seguita dopo 15’ e 34” da Giulia Portaluri (MG.K. Vis – pett. 334) e dopo 16’ 52” da Luisa Isonni (ASD Boario – pett. 373). 

Il Percorso Mediofondo invece ha visto all’arrivo un’accesa volata, vinta per pochi centesimi di secondo da Tomaz Cefuta (team ASD Flamme Rouge – pett. 355) con 2h 7’ 3” a una media di 38,5 km/h, seguito da Diego Venturi (team Alé Cipollini – pett. 49) e Simone Logica (ASD Avesani).

Nelle donne, vittoria di Giulia Medri (Bikeconcept Team ASD) dopo 2h 20’ 21” e una media di 34,8 km/h seguita da Alessia Bortoli (ASD Capitani Minuterie Metalliche) a 10”, e Micol Pizzamiglio (Highroad Team ASD) a 1’ 56”.