Mer12112019

Aggiornamento:06:09:55

Back Strada Tante novità nella seconda edizione della Gran Fondo del Castello in prgramma il 5 giugno

Tante novità nella seconda edizione della Gran Fondo del Castello in prgramma il 5 giugno

Rosignano Marittimo (LI) - Un'edizione fortemente rinnovata, quella che segna il secondo anno di attività, sul fronte organizzativo nel mondo delle granfondo, dello Sporting Club Rosignano Marittimo. Una Granfondo del Castello migliorata sotto ogni aspetto, tanto da essere stata promossa dal Giro del Granducato di Toscana, diventandone la prova di chiusura. Un week-end pieno di eventi quello del 4-5 giugno, dove la manifestazione si inserisce nel contesto della 5° Festa di Primavera, in cui si troveranno spazi e momenti dedicati alla gastronomia, alla musica, al divertimento e allo sport.  La serata di sabato sarà l'occasione per stare tutti insieme alla "Cena del ciclista", un "must" all'interno del Granducato. A soli 15 euro, sarà possibile cenare e godersi questo momento di convivialità.

 

 

Tre i percorsi proposti: la granfondo, agonistica, da 138km e 1900m di dislivello, la mediofondo, anch'essa agonistica, da 93km e 1200m dislivello e la cicloturistica che in 60km scalerà 835m di dislivello. Un "viaggio" tra le colline che si affacciano sul mare e che lambiscono le vallate del Cecina e dello Sterza e che danno un piccolo assaggio degli affascinanti territori dell'entroterra pisano e della costa livornese. Non solo agonismo, quindi, ma anche cicloturismo, quello vero, quello dove si parte alla francese, in una finestra che va da mezz'ora prima della partenza agonistica, fissata per le 9.00 precise, fino a mezz'ora dopo. I cicloturisti, forniti di foglio di viaggio, dovranno apporre il timbro di controllo al primo ristoro. Non si annoieranno certo gli accompagnatori che potranno visitare il bellissimo borgo medioevale di Rosignano dove il castello è l'attrazione da non perdere (tanto da dare il nome alla manifestazione). Gli accompagnatori più "marittimi", non avranno che l'imbarazzo della scelta e, in soli 10 minuti, saranno a godersi il litorale tirrenico.

Le iscrizioni sono già aperte ad una quota di 25 Euro sino al 1 giugno, per passare a 30 Euro sino ad un'ora prima della partenza (sabato e domenica le iscrizioni si effettueranno solo in loco). Rinnovato e completo anche il sito Internet che risponde all'indirizzo http://www.granfondodelcastello.it/, all'interno del quale è possibile trovare tutte le informazioni dettagliate, dal programma ai percorsi, ai moduli di iscrizione.
Non ci saranno certo problemi per la sistemazione alberghiera, in quanto in pochissimi minuti sono raggiungibili le migliori strutture turistiche del litorale, ma la zona offre anche numerose soluzioni in agriturismo. Pace, sole, mare, tranquillità e un sano pedalare, saranno gli ingredienti per "cucinare" questo gustoso week-end di fine Primavera.

La descrizione dei tre percorsi di gara

La partenza sarà data alle nove del 05 Giugno dalla piazza principale di Rosignano Marittimo (115 mt slm) antico borgo che si affaccia sul mare con il suo castello le cui origini risalgono all’epoca etrusca. La partenza sarà “libera” senza “chilometro zero”. I ciclisti imboccheranno la Via Traversa Livornese (SP10) e dopo la località “La Maestà” svolteranno a sinistra ed imboccheranno la discesa di Serragrande inizialmente stretta ( prestare la massima attenzione) per poi allargarsi sul Viale dei Medici sopra il ponte dell’uscita della nuova Aurelia SS1. Dopo la rotatoria, sempre in discesa occorre fare  attenzione ad un attraversamento pedonale rialzato. La discesa termina con l’innesto in via di Lungomonte che verrà percorso tenendosi a dx entrando nell’abitato Rosignano Solvay, un paese nato nel 1918 con la costruzione dell’omonima fabbrica di soda e bicarbonato. Percorsi circa 700 metri i ciclisti svolteranno di nuovo a dx per innestarsi in via della Cava, che verrà percorsa fino alla rotatoria di via Allende dopodiché il gruppo transiterà dal cavalcaferrovia vicino al centro commerciale COOP per svoltare a dx entrando sulla vecchia Aurelia. Da qui verrà percorsa ininterrottamente fino ad arrivare a Chioma, passando per le località: Caletta, Portovecchio, Castiglioncello, rinomata località balneare. In Chioma svolta secca a dx sotto il ponte per arrivare ai piedi della salita del “Vaiolo”. Si tratta di una salita impegnativa, ma non difficile della lunghezza di 5,2 km con pendenza media del 4,8% ma con punte massime del 12%. Allo scollinamento siamo a Nibbiaia ed è il momento di affrontare a destra, prima un vallonato, poi la discesa (attenzione alcune curve da affrontare con prudenza) che ci porterà a Castelnuovo della Misericordia per continuare sempre in discesa sulla SP 11bis detta del “Chiappino” ed arrivare così sulla SS 206. Svolta a dx e dopo pochi minuti subito a sx per arrivare al bivio della Stazione di Santa Luce e prendere la SP 61 che costeggia il bellissimo lago artificiale, ormai completamente rinaturalizzato (Parco naturale della LIPU), per arrivare al bivio di Pastina. Si tratta di una strada vallonata sempre in salita con molte variazioni di pendenza della lunghezza complessiva di 6,5 km, con una pendenza media del 2,5% e massima del 6%. Alla fine della salita il primo rifornimento e la prima deviazione dei percorsi. Il Corto ed il Lungo girano a destra verso Pastina, il Medio svolta a sx.

Percorso Lungo:

Affrontando un percorso vallonato fino a Pomaia, si giunge all’inizio salita di Castellina Marittima lunga 3,6 km con pendenza media del 5,2% e massima del 9%. Nell’abitato di Castellina Marittima, i due percorsi si dividono, il Corto gira a dx  in direzione Le Badie (ss206), mentre il Lungo prosegue dritto in direzione di Riparbella dove arriveranno dopo aver affrontato una discesa tecnica di 10 km ( prudenza nell’attraversamento dell’abitato). Usciti dal paese ancora alcuni km di discesa molto tecnica (usare prudenza) fino all’innesto della SR68  sulla “Salaiola" . Un continuo falsopiano conduce i ciclisti fino al bivio di “Gello” attraversando l’abitato di Casino di Terra. Al bivio di Gello i ciclisti dovranno affrontare la terza asperità. Si tratta di una salita lunga 10 km con pendenza media del 4% e massima dell’8% che conduce in località “Sorbaiano”, rinomata per il buon vino dove i ciclisti troveranno il secondo rifornimento. Si affronta una breve discesa verso l’abitato di Montecatini Val di Cecina, comune noto per le attività minerarie ora dismesse. Attraversato il centro,  inizia la discesa (massima attenzione alle prime curve dopo l’uscita dell’abitato) sulla SP 32 che conduce sulla SS439 della “La Bacchettona”. Percorso vallonato circondato dal verde con la visone delle Balze di Volterra sulla destra, che porterà i corridori in località La Sterza. All’incrocio dopo il ponte il percorso svolta a sinistra lungo la SP14 per affrontare un lungo falsopiano a salire di 8 km che porta i Granfondisti al bivio del “Garetto” con la SP 55 che segna l’inizio della quarta e temibile asperità. La salita non è lunga (3,6 km), ma presenta una importante pendenza media pari al 7,7% con punte massime del 15% che, affrontata dopo oltre 100 km di corsa, si fa sentire nelle gambe di tutti i corridori. Terminata la prima parte molto impegnativa, in località Monte Vaso i ciclisti potranno rifocillarsi con il terzo rifornimento prima di affrontare di nuovo la salita che prosegue per altri 6 km con pendenze molto più dolci rispetto alla prima parte, fino ad arrivare in località Vitalba, cima Coppi della granfondo (510 mt slm). Da qui, il percorso propone un’interminabile discesa che attraversa l’abitato di Castellina Marittima, che conduce in località Le Badie sulla SS206 dove dopo circa 2 km di pianura s’imbocca a sinistra l’ultima breve salita del Saracino/ Rosignano Marittimo che conduce al traguardo dopo 138 km e 2000 metri di dislivello totale.

Percorso Corto:

In località Castellina Marittima dopo la divisione dei percorsi Lungo/Corto  una lunga e veloce discesa conduce in località Le Badie sulla SS206 , dove dopo circa 2 km di pianura s’imbocca a sinistra l’ultima breve salita del Saracino/ Rosignano Marittimo che conduce al traguardo dopo 60 km e 800 metri di dislivello. La salita finale è lunga 3,3 km con pendenza media del 3,7% e massima del 10%.

Percorso Medio:

Svoltando a sx ,al bivio per Santa Luce, la salita continua fino all’abitato di Santa Luce per poi iniziare un percorso vallonato, immerso nel verde della campagna toscana, sulla SP 13. Al bivio che porta alla salita della Madonnina dei Monti si prosegue dritto per arrivare in località I Greppioli dove si imbocca la SP 43 Dir che conduce sulla SP 43 . Qui i mediofondisti svoltano a sx verso il paese di Orciano per affrontare un duro percorso vallonato. In piazza, svolta a dx sulla strada che conduce sulla via “Emilia” SS206. Svolta a dx e, dopo poco meno di un chilometro, in località Crocino, svolta a sinistra per immettere i ciclisti sulla salita di Colognole lunga circa 4 km con pendenza media del 6,5% e massima del 10%. In località “Malavolta”, i ciclisti troveranno il secondo ed ultimo rifornimento del percorso medio. Poco dopo, svoltando sulla sinistra i ciclisti affronteranno una discesa tecnica che porta al centro abitato del Gabbro. Qui occorre prestare la massima attenzione per affrontare una curva secca a 180° che s’immette verso la SP82. Alcuni chilometri ancora da percorrere per poi affrontare la salita detta del Ginepreto che li porterà di nuovo a Nibbiaia.  La salita corta e dura ( 2,4 km), sale a strappi con continue variazioni di pendenza ( media 4,1 % max 10%) che si faranno sicuramente sentire sulle gambe degli atleti. Dall’abitato di Nibbiaia, svoltando a sx, si ripercorrerà la discesa verso Castelnuovo  della Misericordia per percorrere una strada collinare, di sali-scendi e un susseguirsi di curve per circa 4 km,  che porta al bivio della Giunca dove, svoltando a sinistra in 2,5 km di discesa sulla SS206.  Ai ciclisti resteranno ancora 2,5 km da percorrere in pianura prima dell’ultima salita delle loro fatiche quella del  Saracino/ Rosignano Marittimo da imboccare, con incrocio a destra, per una lunghezza di 3,3 km (pendenza media 3,7% e max 10%) per arrivare al traguardo dopo 90 km e 1300 metri di dislivello totale.

 

Il programma della 5a Festa di Primavera

Sabato 04/06

  • Ore 16,00 Iscrizioni e ritiro pacco gara 2° Granfondo del Castello (orario da definire da parte della sezione ciclismo),
  • Ore 17,00 Finale Torneo di Calcio "1° Memorial Mario Tempesti" c/o Campo sportivo "Mauro Barbensi",
  • Ore 18,30 Presentazione Squadra Campione d'Italia di Biketrial anno 2010 (da confermare),
  • Ore 19,30 la cena convenzionata per il ciclista del sabato sera, confermata a 15,00 € anche per gli accompagnatori e comprenderà un primo, un secondo, il contorno, acqua, vino e dolce
  • Ore 21,30 Serata di Musica Rock

Domenica 05/06

  • Ore 7,30 Iscrizione e ritiro pacchi gara 2° Granfondo del Castello (orario da definire da parte della sezione ciclismo),
  • Ore 9,00 PARTENZA 2° GRANFONDO DEL CASTELLO
  • Ore 13,00 Pasta Party
  • Ore 15,00 Premiazioni
  • Ore 21,30 Serata Musicale

 

 

Fonte: Ag.