Sab12042021

Aggiornamento:01:23:49

Back Strada Presentazioni Il Tour of the Alps 2022 ha la montagna nel cuore

Il Tour of the Alps 2022 ha la montagna nel cuore

Immagine

 

 

Puntare lo sguardo verso l’alto fa parte del DNA del Tour of the Alps: il payoff #LiveUphill non lascia spazio a dubbi. Venerdì 5 novembreMilano, in occasione della presentazione della sua edizione numero 45, l’evento euro-regionale ha tenuto pienamente fede alle sue radici, lanciando un 2022 fatto di grandi ambizioni, di nuove aperture e – come sempre – del grande spettacolo che i territori e le strade dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino sanno regalare.

A poco più di sei mesi dal successo di Simon Yates in una Riva del Garda in festa, gli organizzatori del GS Alto Garda hanno alzato il velo sul percorso che dal 18 al 22 aprile 2022 metterà alla prova tanti fra i migliori nomi del ciclismo mondiale: nel 2021 furono ben tredici le formazioni World Tour a scegliere il Tour of the Alps nel loro calendario, un risultato che l’evento euro-regionale punta ad eguagliare, e magari superare, nell’edizione alle porte.

Cinque tappe719 km13.750 metri di dislivello: le cifre presentate a media e stakeholder nella prestigiosa Sala Buzzati a Milano, e a tutti gli appassionati collegati in streaming, sono una nuova promessa di spettacolo secondo la cifra tecnica che ormai caratterizza il Tour of the Alps.

Tante salite ma nessuna sopra i duemila metri, percorsi mossi e dai grandi dislivelli ma su chilometraggi ridotti (159 km la frazione più lunga), appena 30 km di trasferimento nell’intera settimana: sarà un’altra edizione full-gas dalla partenza di Cles, in Trentino, fino al gran finale di Lienz, in Tirolo, sullo sfondo di scenari e territori di rara bellezza.

IL TOUR OF THE ALPS APRIPISTA DELLA COOPERAZIONE

Quella alle porte non sarà un’annata qualsiasi per l’evento UCI Pro Series, che nel 2022 festeggia i cinque anni e la quinta edizione dall’introduzione del nuovo progetto Tour of the Alps, che nel 2017 raccolse il testimone del Giro del Trentino.

Un percorso ancora giovane ma che ha già lasciato il segno, se è vero che proprio nella scia del progetto avviato con il Tour of the Alps è stato istituito il nuovo Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT) Euregio Connect, con il quale TiroloAlto AdigeTrentino vogliono dare il via a nuove iniziative che seguano la strada iniziata con successo proprio nel mondo dello sport.

Successo, quello del TotA, che non si ferma quindi ai confini dello sport, come nella natura di un progetto che punta a legare persone, valori e principi di una macroregione unita dalla storia e le radici comuni, e che sempre di più vede nel Tour of the Alps il simbolo e l’esempio di come insieme si vada meglio, più forte e più lontano.

IL TOTA ABBATTE I TRASFERIMENTI (E LE EMISSIONI)

Lo dicono gli atleti: al di là del percorso, il Tour of the Alps è una corsa da godere perché lascia spazio per guardarsi intorno, soprattutto prima e dopo il via, recuperare dagli sforzi intensi e vivere l’evento nella giusta tranquillità.

Da anni, il GS Alto Garda ha attuato una politica di riduzione dei trasferimenti, che nel 2022 trova espressione ancora più compiuta. Tutte le frazioni, infatti, prenderanno il via dalla sede di arrivo della precedente, con l’unica eccezione dei soli 30 km di transito da Kals am Grossglockner a Lienz al termine della quarta frazione.

L’evento euro-regionale si dimostra pertanto sempre più vicino alle esigenze della carovana dal punto di vista organizzativo e logistico in un momento molto importante della stagione, e non secondariamente al tema della sostenibilità, con il contenimento delle emissioni dei mezzi al seguito.

Parallelamente il Tour of the Alps, come e più di sempre, farà ulteriori sforzi per aumentare la sicurezza in gara e fuori. L’organizzazione sta mettendo a punto un dispositivo di protezione nei punti più importanti del percorso che va esattamente in questa direzione, e che sarà presentato in dettaglio nei mesi a venire. Dal canto suo, confermata la partnership con l’organizzazione euro-regionale, Vittoria garantirà il proprio valore aggiunto con l’assistenza neutra in gara, predisposta con un team che comprende anche alcuni ex professionisti.

MEDIATICO E RICCO DI CAMPIONI: IL TOTA È SEMPRE PIU’ #LIVEUPHILL

Anche in un’edizione, quella appena conclusa, caratterizzata da limitazioni legate all’emergenza COVID, il Tour of the Alps ha saputo raggiungere livelli di impatto mediatico notevoli, valutati in oltre 13 milioni di Euro.

Dopo gli ottimi riscontri dell’anno della ripartenza, il Tour of the Alps si prepara a rilanciare ancora una volta nel 2022, con nuove idee ed iniziative e con la consolidata collaborazione con PMG Sport.

Con 2 ore di copertura live ogni giorno e centinaia di Paesi collegati da tutti i continenti, lo spettacolo tecnico del Tour of the Alps si prepara a fare ancora una volta il giro del mondo. L’elenco delle formazioni al via di Cles sarà comunicato nel mese di Gennaio 2022.

Al fianco del racconto tecnico della gara, sarà come sempre presente l’impegno di comunicazione che lega l’evento ai territori attraversati, a cominciare dalle ricognizioni dei percorsi che quest’anno vedranno protagonista Bernhard Eisel, ex professionista austriaco e oggi analyst di Eurosport e GCN, alla scoperta non solo di arrivi e salite ma anche degli scenari emozionanti che accompagneranno la gara e i suoi protagonisti.

Nel contesto di una presenza sempre più importante sui canali digitali, non mancheranno anche i contenuti legati al progetto #LiveUphill, che racconta le storie di chi ama e affronta grandi sfide, nello sport come nella vita, scegliendo spesso la strada più impegnativa per raggiungere traguardi di grande significato.

IL RIEPILOGO DELLE TAPPE: 719 KM E 13750 METRI DI DISLIVELLO

Lunedì 18 Aprile
Tappa 1: Cles-Primiero/S. Martino di Castrozza, 159 Km
Dislivello: 2950 m.
Difficoltà: ***

Martedì 19 Aprile
Tappa 2: Primiero/S. Martino di Castrozza-Lana, 153 Km
Dislivello: 3200 m.
Difficoltà: ***

Mercoledì 20 Aprile
Tappa 3: Lana-Villabassa, 149 Km
Dislivello: 2900 m.
Difficoltà: ****

Giovedì 21 Aprile
Tappa 4: Villabassa-Kals am Groβglockner, 142 Km
Dislivello: 2400 m.
Difficoltà: ****

Venerdì 22 Aprile
Tappa 5: Lienz-Lienz, 116 Km
Dislivello: 2300 m.
Difficoltà: ***