Mar06252024

Aggiornamento:05:36:20

Back Strada Presentazioni Tutto il rosa del Cycling Stars Criterium: Longo Borghini la stella

Tutto il rosa del Cycling Stars Criterium: Longo Borghini la stella

 

 

Il Cycling Stars Criterium è stata la prima kermesse italiana ad inserire nel suo programma anche la gara dedicata alla donne, una scommessa che ha ripagato fin da subito e che verrà riproposta anche in quest’edizione, in programma a Pieve di Soligo lunedì 27 maggio. Le atlete si sfideranno percorrendo per 30 volte il circuito nel centro città, in una corsa che, considerate le partecipanti, non potrà non dare grande spettacolo. La stella più lucente al via sarà la campionessa italiana Elisa Longo Borghini, una delle atlete più forti di tutto il panorama mondiale, capace negli ultimi anni di vincere tappe al Giro d’Italia, medaglie olimpiche e mondiali, classiche monumento come Parigi-Roubaix e due volte il Giro delle Fiandre, l’ultimo proprio quest’anno. A lei si affiancheranno la compagna in Lidl Trek e fortissima scalatrice Gaia Realini, la vincitrice dell’edizione 2023 Soraya Paladin in forza al team Canyon-SRAM Racing, Barbara Guarischi del Team SD Worx, Katia Ragusa, portacolori della squadra Human Powered Health e 2^ alla Parigi-Roubaix 2023, assieme ad Alessia Vigilia della squadra Top Girls Fassa Bortolo ed infine Emma Redaelli dell’UAE Development Team A questi grandi nomi del World Tour si affiancheranno giovani atlete Élite provenienti da formazioni del triveneto, che avranno così la possibilità di gareggiare per una sera con campionesse di primissimo livello.   Questa scelta risponde in pieno alla filosofia del Cycling Stars Criterium che ha come scopo principale quello di avvicinare i giovani - siano essi spettatori o atleti - al gotha del ciclismo internazionale. Il via della gara femminile sarà dato alle 19:00 in Piazza Caduti nei Lager, subito dopo la fine della gara degli ex-professionisti e prima di quella dei professionisti uomini. Appuntamento quindi a Pieve di Soligo il prossimo 27 maggio, per godere del grandissimo spettacolo a cui da ormai molti anni ci ha abituati il ciclismo femminile.