Mer06262019

Aggiornamento:10:09:22

Back Nuovo

Nuovo

All'australiano Damien Howson il mondiale under 23 a cronometro. Fuori dai primi 20 gli azzurri Davide Martinelli e Simone Antonini

E’ Damien Howson il nuovo Campione del Mondo della Crono Individuale Under 23: l’australiano, terzo l’anno scorso nella stessa gara e già vincitore in questa stagione del campionato nazionale e di quello continentale della specialità, ha preceduto di 57” il francese Yoann Paillot (re della crono agli ultimi Giochi del Mediterraneo e campione europeo under 23 della specialità nel 2011) e il danese Lasse Norman Hansen, Campione Olimpico su pista (specialità Omnium) ai Giochi di Londra 2012. Sui 43,46 km del percorso, da Pistoia a Firenze, Howson ha fatto registrare una velocità media di 52,3 km/h.

Severine Eraud vince la Crono Donne Juniors

E’ la francese Severine Eraud, classe 1995 e già Campionessa Europea della specialità, ad aggiudicarsi la Cronometro Individuale Donne Junior dei Mondiali di Ciclismo Toscana2013. Ha percorso i 16,19 chilometri del tracciato di Firenze, da Piazza Vittorio Veneto a viale Paoli, in 22’42”63 alla media di 42,77 km/h, superando così le due australiane Alexandria Nicholls (seconda a 2”69) e Alexandra Manly (terza a 8”17).

L’Omega Pharma Quick Step fa il bis nella cronosquadre

Con un margine di appena 81 centesimi, dopo 57,2 km di percorso da Montecatini Terme a Firenze, la squadra belga Omega Pharma Quick Step (composta da Sylvain Chavanel, Tony Martin, Niki Terpstra, Kristof Vandewalle, Peter Velits e Michal Kwiatkowski, quest’ultimo unico assente l’anno scorso) batte gli australiani dell’Orica GreenEdge (Luke Durbridge, Michael Hepburn, Daryl Impey, Brett Lancaster, Jens Mouris e Svein Tuft) e vince la cronosquadre dei Mondiali Toscana2013 per il secondo anno consecutivo. Terzo gradino del podio per il team Sky Procycling (Edvald Boasson Hagen, Christopher Froome, Vasil Kiriyenka, Richie Porte, Kanstantsin Sioutsu e Geraint Thomas). Quarta, a 1’02” la BMC, quinta la Radioshack Leopard a 1’17”.

Mondiali di Firenze: al via la cronometro a squadre Uomini e Donne Elite per club

Inizieranno domani, domenica 22 settembre, i Campionati del Mondo di Ciclismo su strada Toscana2013. In palio ci saranno i primi due titoli dei dodici in totale che saranno assegnati fino a domenica 29 settembre: il titolo di Campione del Mondo Cronosquadre Uomini e Cronosquadre Donne.

La Cronosquadre Donne Elite si svolgerà su un percorso completamente pianeggiante di km 42,800, con partenza da Pistoia – Piazza Duomo e arrivo a Firenze - Mandela Forum. Al via sono annunciate 16 squadre con un intervallo di due minuti e 30 secondi. Alla prima squadra sarà dato il via alle ore 10.00. Da Pistoia si transita da Bottegone, Quarrata, Poggio a Caiano e si entra a Firenze da via Pistoiese, quindi si attraversa Piazzale delle Cascine, piazza Duomo e via Paoli, dove è posto l’arrivo. Sono previsti due intertempi: a Olmi (km 9,54) e Firenze via Pistoiese (km 27,7).

 

 

MICHELE SCARPONI, UN LAMPO AZZURRO A DONORATICO

Sei azzurri in procinto di partire per il campionato del mondo su strada ai primi sette posti. Questa la sintesi del Gran Premio Costa degli Etruschi – Alta Maremma che si è corso oggi, con la regia organizzativa del Gruppo Sportivo Emilia, con partenza da San Vincenzo ed arrivo a Donoratico.

A vincere con un'azione a sorpresa è stato Michele Scarponi che, ad un chilometro e mezzo dal termine, ha allungato da un drappello dei sette fuggitivi con i quali si era avvantaggiato nelle fasi conclusive. Alle sue spalle, la volata degli inseguitori è stata regolata dal suo compagno di squadra Diego Ulissi che ha preceduto Filippo Pozzato, altro uomo in maglia Lampre – Merida.

La gara ha visto al via, tra gli altri, sette atleti degli undici convocati dal ct Paolo Bettini per il campionato del mondo su strada e i sei azzurri under 23. Si tratta di Vincenzo Nibali e Simone Ponzi dell'Astana, Michele Scarponi, Filippo Pozzato e Diego Ulissi della Lampre – Merida e il campione d'Italia, Ivan Santaromita, che con Rinaldo Nocentini sarà inserito nella squadra nazionale azzurra della quale facevano parte anche gli under 23 Alberto Bettiol, Davide Formolo, Michele Scartezzini, Manuel Senni, Davide Villella e Andrea Zordan.

Dopo un avvio velocissimo caratterizzato da numerosi scatti e controscatti, al chilometro 30 quando al comando si sono portati: Valencia (Colombia), Rubiano Chavez (Androni Giocattoli Venezuela), Pozzo (Vini Fantini Selle Italia), Aregger (Iam), Fedi (Flaminia  Fondriest) e Rocchetti (Utensilnord).

I battistrada hanno trovato immediatamente l'accordo e in breve hanno raggiunto un vantaggio massimo di 4'25”.

La gara è entrata nel vivo nelle ultime due tornate che prevedevano le ascese al GPM di Torre Segalari e al chilometro 165 sul terzetto di testa si sono riportati: Basso e Caruso (Cannondale) Ulissi, Pozzato e Scarponi (Lampre Merida), Nibali e Ponzi (Astana), Zardini (Bardiani CSF), Pellizotti e Sella (Androni Giocattoli Venezuela), Failli, Finetto e Pozzo (Vini Fantini Selle Italia), Bettiol, Formolo, Nocentini e Santaromita (Nazionale azzurra) e Sinkewitz (Meridiana Kamen).

Gli ultimi chilometri di gara hanno visto Ivan Basso e Vincenzo Nibali particolarmente attivi e lungo l'ultima salita il drappello di testa si è frazionato ulteriormente fino a quando al comando sono rimasti Nibali, Ulissi e Sinkewitz sui quali, a poco più di due chilometri dal termine, si sono portati Pozzato, Scarponi, Santaromita e Nocentini. Solamente il tempo di tirare il fiato e Michele Scarponi ha dato vita all'affondo vincente che gli ha consentito di tagliare a braccia alzate il traguardo con una manciata di metri sul resto del drappello.

 

Ufficio Stampa GS Emilia Stefano Bertolotti

 

A cura di L'Ora del Ciclismo il video dell'arrivo e il commento a caldo di MIchele Scarponi nel dopo gara http://www.youtube.com/watch?v=n8_UN5TIbkc

Altri articoli...