Dom06232024

Aggiornamento:07:00:26

Back Strada Gare Casino Royal: a Mathieu Van der Poel una Milano Sanremo grandi firme

Casino Royal: a Mathieu Van der Poel una Milano Sanremo grandi firme

 

 

Dopo aver assaggiato la gioia del podio nella scorsa edizione, Mathieu Van der Poel (Alpecin-Deceuninck) si porta a casa la 114^ Milano-Sanremo presented by Crédit Agricole grazie ad un'azione nata sulle rampe finali del Poggio alla quale nessuno dei suoi rivali ha saputo rispondere. Il forcing sull'ultima asperità di giornata della UAE Team Emirates, dapprima con una trenata di Tim Wellens e successivamente con l'attacco in prima persona di Tadej Pogacar, aveva ridotto a quattro unità la testa della corsa. I soli Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) e Wout Van Aert (Jumbo-Visma) erano stati capaci di reagire oltre all'olandese. L'attacco decisivo, lanciato a 5600 metri dall'arrivo, faceva sì che Van der Poel scollinasse con 6" sugli inseguitori, raddoppiati alla fine della discesa del Poggio. Al corridore della Alpecin-Deceuninck, ormai irraggiungibile, non restava che godersi l'abbraccio del folto pubblico accorso a Sanremo, con Ganna che vinceva la volata dei battuti su Van Aert e Pogacar riportando l'Italia sul podio a distanza di 5 anni.

Il vincitore della 114^ Milano-Sanremo presented by Crédit Agricole Mathieu Van der Poel ha dichiarato in conferenza stampa: “Abbiamo scalato la Cipressa ad un ritmo più agevole rispetto a ciò che immaginavo. Ho detto ai miei compagni di squadra che stare nelle posizioni di testa all'imbocco del Poggio sarebbe stato cruciale. Hermans e Kragh Andersen sono stati eccezionali. Il mio piano era di partire un po' prima. Il margine in cima era buono, e quindi ho deciso di non prendere rischi eccessivi in discesa. In caso di caduta non mi sarei perdonato l'errore. Forse nelle mie precedenti partecipazioni alla Milano-Sanremo ho corso troppo sulla difensiva. E' la Monumento più facile altimetricamente ma allo stesso tempo è la più difficile da vincere. Esserci riuscito, a 62 anni di distanza da mio nonno, mi rende particolarmente orgoglioso".

 



Il secondo classificato, Filippo Ganna, ha detto: “E' l'anno dei secondi posti ma questo è veramente speciale. Ringrazio il mio team per il supporto. L'attacco di Mathieu è stato perentorio, penso di aver fatto il massimo per provare a inseguirlo. Il secondo posto è un po' agrodolce ma sono soddisfatto della mia performance".

Il terzo classificato, Wout Van Aert, ha commentato: "Sono soddisfatto con il mio terzo podio alla Milano-Sanremo. Non ho rimpianti per come è andata, Mathieu ha dimostrato di essere il più forte. E' stata una corsa molto veloce. Non ci aspettavamo che il vento condizionasse così tanto la Cipressa e all'imbocco del Poggio eravamo in tanti. Nel finale la selezione è stata marcata, abbiamo corso tutti per vincere ma non si poteva nulla contro un Van der Poel così. Complimenti a lui".

 

 

ORDINE D’ARRIVO 114°MILANO-SANREMO

1° Mathieu Van der Poel (Ola, Alpecin-Deceuninck 294 km in 6.25’23” media 45,773 km/h

2° Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) a 15”

3° Wout Van Aert (Bel, Jumbo-Visma)

4° Tadej Pogacar (Slo, Uae Team Emirates)

5° Søren Kragh Andersen (Dan, Alpecin-Deceuninck) a 26”

6° Mads Pedersen (Dan, Trek-Segafredo)

7° Neilson Powless (USA, EF Education-Easypost)

8° Matej Mohoric (Slo, Bahrain Victorious)

9° Anthony Turgis (Fra, TotalEnergies)

10° Jasper Stuyven (Bel, Trek-Segafredo)

11° Julian Alaphilippe (Fra, Soudal Quick-Step)

12° Davide Ballerini (Soudal Quick-Step) a 32”

13° Christophe Laporte (Fra, Jumbo-Visma)

14° Magnus Cort (Dan, Ef Education-Easypost)

15° Jasper Philipsen (Bel, Alpecin-Deceuninck)

16° Caleb Ewan (Aus, Lotto Dstny)

19° Matteo Trentin (UAE Team Emirates)

28° Biniam Girmay (Eti, Intermarché-Circus-Wanty)

31° Lorenzo Rota (Intermarché-Circus-Wanty)

35° Daniel Oss (TotalEnergies)

37° Matteo Sobrero (Team Jayco-Alula) a 35”

42° Gianluca Brambilla (Q36.5 Pro Cycling Team) a 56”

44° Peter Sagan (Svk, TotalEnergies) a 58”

45° Andrea Vendrame (AG2r Citroën Team) a 1’06”

47° Simone Velasco (Astana Qazaqstan Team)

48° Simone Consonni (Cofidis)

51° Arnaud Démare (Fra, Groupama-Fdj)

53° Damiano Caruso (Bahrain Victorious)

54° Alberto Bettiol (EF Education-Easypost)