Ven04122024

Aggiornamento:05:47:53

Back Archivio MTB Il Team Colnago Faber Sudtirol domina il campionato italiano femminile Cross Country

Il Team Colnago Faber Sudtirol domina il campionato italiano femminile Cross Country

Le previsioni della vigilia sono state  puntualmente rispettate. Infatti,  il team “Colnago Farbe Südtirol”, sponsorizzato dal celebre costruttore di bici da corsa Ernesto Colnago e dalla Farbe spa Industria Vernici, ha dominato il Campionato Cross Country MTB Donne Elite, disputatosi questa mattina a Peio, in provincia di Trento, con la ventiseienne bolzanina Eva Lechner. La gara, svoltasi sulla distanza di 22 Km, pari a cinque giri di un locale circuito sterrato, reso tecnico e impegnativo nel tratto boschivo,  si è rivelata una trionfale passerella per Eva Lechner, che, dopo le ultime due sfortunate e deludenti prove di Coppa, effettuatesi recentemente in Canada e Stati Uniti, ha fugato ogni dubbio e perplessità sulla sua competitività agonistica e sul suo valore atletico, palesando, ancora una volta, di essere l’atleta più forte in assoluto del settore fuoristrada in campo nazionale. Infatti, al termine di una travolgente ed esaltante corsa d’ attacco, la campionessa bolzanina ha conquistato il suo terzo titolo tricolore élite consecutivo, percorrendo la distanza di 22 Km in 1h33’35” e giungendo solitaria al traguardo con 4’41” di vantaggio nei confronti della piemontese Serena Calvetti, laureatasi campionessa italiana donne Under 23 per il secondo anno consecutivo. Al terzo posto, distaccata di 7’20”, invece, si è classificata la lombarda Michela Benzoni. Grazie al successo conseguito questa mattina a Peio, la campionessa bolzanina Eva Lechner ha elevato a sette il numero delle vittorie tricolori conquistate nella specialità cross country. In precedenza, infatti, la leader del team “Colnago Farbe Südtirol” aveva vinto il Campionato Italiano Allieve nel 2001, il Campionato Italiano Juniores nel biennio 2005 e 2006 e il Campionato Italiano Elite nel biennio 2009 e 20010.

Ufficio Stampa: Marzio Gazzetta