Gio02292024

Aggiornamento:12:16:12

Back Archivio Pista News da ciclismo su strada, amatoriale, giovanile e fuoristrada 9 settembre 2018

News da ciclismo su strada, amatoriale, giovanile e fuoristrada 9 settembre 2018

 

 

GIRO CICLISTICO INTERNAZIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Una volata imperiosa ha dato al tedesco Georg Zimmermann, portacolori del Tirol Cycling Team, la vittoria nella terza ed ultima tappa del 54° Giro Ciclistico Internazionale del Friuli Venezia Giulia per Elite e Under 23. Zimmermann, al primo hurrà in tre anni, ha vinto di potenza, mettendo più di una bicicletta di margine tra sé, lo svizzero Gino Mader e il padovano della Zalf Alberto Dainese.

Lo sloveno Tadej Pogacar, secondo ventiquattro ore prima sul Monte Matajur dietro al colombiano Rubio Reyes, ha vinto la classifica generale, mettendo in bacheca il successo nella corsa italiana dopo aver conquistato pochi giorni fa il Tour de l’Avenir.

In gara, da Lignano a Gorizia, corsa a velocità importanti sin dai primi chilometri, la miccia l’ha accesa Nico Houttemann all’attacco della salita del San Floriano, nell’ultimo giro del circuito isontino. Un terzetto di corridori ha provato l’allungo in salita, arrivando a un massimo di 20″ di margine, ma in discesa verso Gorizia il gruppo s’è ricompattato, fino alla volata vincente di Zimmermann.

3^ TAPPA

1. Georg Zimmermann (Tirol) km. 152 in 3h43’10”
2. Gino Mader (IAM Excelsior)
3. Alberto Dainese (Zalf Euromobil Désirée Fior)
4. Gordian Banzer (Akros Renfer)
5. Jalel Duranti (Petroli Firenze Hopplà Maserati)
6. Francesco Di Felice (Delio Gallina Colosio Eurofeed)
7. Francesco Baldi (VPM Porto S. Elpidio)
8. Yuri Colonna (Petroli Firenze Hopplà Maserati)
9. Florian Gamper (Tirol)
10. Giacomo Ballabio (IAM Excelsior)

CLASSIFICA GENERALE FINALE

1. Tadej Pogacar 11h19’47” secondi – Maglia Gialla Pratic
2. Dimitri Sokolov, a 25″
3. Andrea Di Renzo, a 1’44”
4. Einer Rubio Reyes, a 3’27”
5. Simone Ravanelli, a 3’28”
6. Davide Botta, a 3’47”
7. Andrea Garosio, a 3’47”
8. Aldo Caiati, a 3’50”
9. Alberto Amici, a 4’03”
10. Benjamin Brkic, a 4’07”

LE MAGLIE

Maglia Gialla Pratic – Classifica Generale: Tadej Pogacar
Maglia a Blu Bella Italia Efa Village – Classifica a punti: Alberto Dainese
Maglia Verde Cussigh Bike – Classifica Gpm: Einer Rubio Reyes
Maglia Rossa Bcc Fvg – Classifica Traguardi Volanti: Samuele Zoccarato
Maglia Bianca Libertas Fvg – Classifica Giovani under 21: Tadej Pogacar

 

 

ETNA MARATHON TOUR

Dovevano recuperare sette minuti, si sono fermati “solo” a cinque, dicendo addio alla possibilità di ribaltare il verdetto finale. A Milo si assiste a un’altra splendida cavalcata per Paolo AlberatiAndrea Privitera, vincitori della quinta e ultima tappa dell’Etna Marathon Tour2018. Il terzo successo in cinque giorni di gara non ha però consentito alla coppia A&G Sporting-Team Jonica Megamo di imporsi nella classifica generale. L’Etna Marathon Tour va infatti a Franco CasellaManuel Ficorilli, bravi a tener botta e a salvare due minuti tondi del vantaggio precedentemente accumulato (in alto: Alberati-Privitera e Casella-Ficorilli. Sotto: Pellegrino-Diesner).

Casella e Ficorilli, portacolori del New Bike 2008 Racing Team 2, hanno indossato la maglia di leader in occasione del prologo inaugurale di martedì. E non l’hanno più mollata, regalando insieme ad Alberati-Privitera un finale palpitante e incerto.

Sul gradino più basso del podio sale l’altra coppia New Bike 2008 composta da Federico PrianteMatteo Piacentini (distacco di 14’56”). Poi i francesi Frederic IschardSebastien Migeon, vincitori della tappa di Floresta.

Nelle altre categorie, vittorie annunciate di Gianni Fazio e Luca Bergamini (B’Twin Decathlon Italia) tra i Master 1 e di Giuseppe Pellegrino e Naima Diesner (Frm Factory Team) tra i Mixed. Nella Master 2 successo finale ai maltesi Maurice Formosa e Patrick Scicluna (MTB Malta Team 1).

Nell’Etna Marathon 2D, competizione “ridotta” ai partecipanti che si sono iscritti alle ultime due tappe, festeggiano Marco EvarchiPaolo Pasqualotto (RDR Italia Factory Team).

Sulla pagina Facebook dell’Etna Marathon Tour a breve disponibile il video con la sintesi della giornata.

Info e classifiche complete su www.etnamarathontour.it e www.tds-live.com

 

 

COPPA LAZIO - MEMORIAL FABIO MUSOLINO

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Pomezia, è un comune italiano di 63 748 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale nel Lazio. Pomezia si trova nell'Agro Pontino e si estende a sud di Roma, con ai lati la veduta dei Castelli romani e del mar Tirreno, confinando per un largo tratto con la tenuta presidenziale di Castel Porziano. Sono rimaste poche vestigia del vecchio territorio di Pomezia, originariamente composto da vaste zone boschive (sugheri, olmi e querce), dune con vegetazione mediterranea (ginestre, pungitopo, rovi di more e fitta vegetazione di erbe) e zone paludose (due stagni litorali nei pressi di Torvajanica) tra quanto rimasto si segnalano la zona costiera delle dune tra Torvaianica e Villaggio Tognazzi e il bosco della sughereta vicino a Pomezia, divenuta ora Riserva Naturale. Le cause di questo cambiamento sono riconducibili essenzialmente all'opera di bonifica d'epoca fascista (per ciò che attiene alle zone paludose ed agricole), e una forte industrializzazione del territorio prolungatasi fino agli anni novanta grazie ai fondi per la Cassa del Mezzogiorno, nonché alla speculazione edilizia che ha devastato uno dei più bei litorali della provincia romana Il direttore di corsa Armando Santaroni da il via alla prima gara alle ore 09.10 , . Il circuito leggermente ondulato permette le piu' svariate soluzioni. Gia' dal secondo giro prende il largo una corposa fuga, due atleti anticipano tutti presentandosi sotto l'arco arancio di Coppa Lazio : primo Roberto Maggioli (asd Santa Maria delle Mole) a ruota Mattacchioni Davide (asd Bikelab Roma). Nella categoria a6 dopo Maggioli seguono Danilo Simonetti , Andrea Petricca , Piero Rosati , Leonardo Angelini , Giuseppe Scarfone Primo della Categoria a3 il giovane corridore di casa Luca Romualdi (asd Conti D'Angeli) poi Bisonni , Cartolano , Capomaggi , Duca , Mastrogiacomo. Davide Mattacchioni (asd Bikelab Roma ) fa sua la categoria a5 poi Trovarelli , Giuliani , Panico , Ciarloni , Iosif , Giovannetti , Serangeli , Gabrielli , Sciaretta , Ulisse,Marazza , Rinicella , Giuliani. Il direttore di corsa Armando Santaroni da il via alla seconda gara alle ore 09.18 , . Come dicevamo il circuito leggermente ondulato permette le piu' svariate soluzioni e la bella giornata estiva invoglia a pedalare. Molti i tentativi di fuga per una gara mai noiosa che ha divertito il folto pubblico intervenuto a incitare i propri beniamini. solo all'ultimo giro sullo strappo di via Silvio Spaventa anticipa tutti Alvaro Carloni (Santa Maria delle Mole ) a seguire nella categoria a7 Luchetti , Di Ferdinando , Mancini , Carbone , Barcellan , Bartolini Lombardi. Primo della A8 Luigi Genovesi (Disoflex-Portalandia) a seguire Frattaroli , Bevilacqua , Candurro , Campion , Duranti , Bellini , Taglienti , Di Tommaso , Quaglia , Cannone , Romualdi , Bondani . Lo Iacono La reginetta di giornata e' Serenella Bortolotto della asd Concordia cicli Bortolotto di Roma . Primo gradino dei super/g per Carlo Manoni (Franchi-Valcelli ) a seguire Giuseppe Olivieri e Franco Raidich Effettuate le ricche premiazioni e la consegna delle maglie presso i locali del bar Baccanale di via Roma , dal presidente Nazzareno Conti e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli. Si ringrazia la famiglia Dalla Pozza per il trofeo messo in palio per ricordare il compianto Stefano e per il grande dispiegamento di forze i carabinieri della locale stazione , i vigili del comune di Pomezia , le scorte tecniche team Santaroni , il servizio sanitario e Protezione Civile del VI gruppo . Appuntamento per tutte le società della Coppa Lazio a domenica 16 Settembre a Ciampino , partenza ore 08.30. Mentre per tutti gli amanti delle cronoscalate appuntamento a sabato 15 Settembre a Rocca Priora.

 

 

VIRIS SISAL MATCHPOINT

E' mancata la vittoria ma da questo week-end esce a testa alta la Viris L&L Sisal Matchpoint. Protagonisti Marengo, Bertone, Rivi, Belleri e Rocchi. La miglior performance è quella di Umberto Marengo che accarezza il successo a Frossasco, nel Torinese, dove chiude al secondo posto l'impegnativa "Dalle Mura al Muro" vinta per distacco dall'inglese Paul Double: 13simo El Gouzi. Primo podio della stagione per il giovane ligure Filippo Bertone che conquista la terza posizione nello sprint finale di Viguzzolo, Alessandria, vinto da Fiorelli. Nella top-dieci entrano anche Samuele Rivi e Michael Belleri che terminano la loro prova rispettivamente in quinta e sesta battuta. Podio sfiorato invece per Nicolò Rocchi nella Targa Libero Ferrario di Parabiago che il veneziano conclude al quarto posto nella scia di Ferri, terzo classificato.

 

WORK SERVICE ROMAGNANO

Buona prova per Piero Dissegna e Samuel Fongaro nel 2° Gran Premio Dea Venere ad Arezzo. La gara si è decisa a poco meno di 10 chilometri dalla conclusione con l'attacco a tre di Enrico Baglioni dello Stabbia Ciclismo, Piero Dissegna della Work Service Romagnano e Nicolò Pencedato dell'Acqua e Sapone Team Mocaiana. Nella volata a tre che ha deciso la corsa, Dissegna ha ottenuto il terzo grandino del podio alle spalle di Baglioni e Pencedano mentre, alle spalle dei battistrada, Samuel Fongaro anticipava la volata del gruppo cogliendo il quarto posto.

 

 

SCV BIKE CADORAGO

La Coppa Rosa per una giovane ciclista della categoria Allieve è uno degli appuntamenti più importanti della stagione, essere protagoniste nella gara di Borgo Valsugana è il sogno di tante ragazze e di tanti Direttori Sportivi. Cristina Tonetti, portacolori di Bike Cadorago, oggi è stata protagonista di questa importante gara arrivando ad un passo dal podio. La gara, disputata da 162 atlete sulla distanza complessiva di 57,400 chilometri, ha avuto la svolta decisiva durante l’ultimo giro. Un quintetto composto dalla Campionessa Italiana Eleonora Gasparrini (Rodman Pink Power By Nonese), Francesca Barale (Pedale Ossolano), Sylvie Truc (Racconigi Cycling Team), Alessia Patuelli (Re Artù Factory Team) e Lucy Mayrhofer (Germania) attacca in salita; Cristina Tonetti scollina con un po’ di ritardo dalla testa della corsa ma è consapevole di poter riagganciare le avversarie. Si lancia in discesa con grinta e torna sul drappello di testa. Sul rettilineo finale lo sprint a ranghi ristretti vede l’Emiliana - Romagnola Alessia Patuelli avere la meglio su Gasparrini e Barale che anticipano la portacolori di Bike Cadorago, quarta classificata. Tonetti, nata nel luglio 2002, sta dimostrando, in questa stagione agonistica, di avere grande temperamento e una buona continuità di risultati: è salita sul podio a Cesano Maderno, Seren del Grappa, Villafranca Veronese, Fomarco e nei Campionati Italiani su Pista di San Francesco Al Campo; nei campionati nazionali su strada disputati alle Terme di Comano è giunta quinta e, oggi, sempre in Trentino, ha ottenuto un quarto posto che rende felici i suoi tecnici. È proprio il responsabile tecnico Giuseppe Sala, premiato sul palco di Borgo Valsugana assieme a Cristina, a raccontarci: <> CLASSIFICA 1) Alessia Patuelli (Re Artù Factory Team) 57,4 km in 1h.37m.55s; 2) Eleonora C. Gasparrini (Rodman Pink Power By Nonese); 3) Francesca Barale (Pedale Ossolano); 4) Cristina Tonetti (Bike Cadorago); 5) Sylvie Truc (Racconigi Cycling Team); 6) Lucy Mayrhofer (Germania); 7) Lea Waldoff (Germania) a 3”; 8) Carlotta Cipressi a 18” (S.C. Forlivese); 9) Linda Rietmann (Germania); 10) Camilla Barbero (Rodman Pink Power By Nonese) a 31”.

 

 

PROSECCO CYCLING 2018 - MONDIALI DI SCI CORTINA 2021

Una bicicletta e un paio di sci. Il simbolo di due sport così diversi, eppure così uguali se si tratta di mettere al centro dell’attenzione valori come la sostenibilità ambientale e la valorizzazione del territorio. Prosecco Cycling, evento che domani – domenica 9 settembre – porterà duemila ciclisti provenienti da tutto il mondo a pedalare nel cuore delle colline del Prosecco, e i Mondiali di sci alpino che si terranno a Cortina nel 2021, sono unite da una comune filosofia “green” fondata sull’efficienza di risorse come acqua e suolo e sulla limitazione dei costi energetici. La vicinanza tra i due appuntamenti è stata sottolineata ieri, a Villa Sandi, a Crocetta del Montello (Treviso), in una serata che ha visto anche l’intervento del sottosegretario alle Politiche Agricole, Franco Manzato, dell’assessore regionale al Turismo, Federico Caner, del presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon, di una decina di sindaci del territorio e di numerosi rappresentanti del mondo dell’imprenditoria, del turismo e dello sport. “Prosecco Cycling – ha spiegato l’ideatore dell’evento, Massimo Stefani - si è posta un obiettivo ambizioso: quello di diventare, da qui al 2021, un evento completamente ecosostenibile. La bicicletta è il mezzo di trasporto più ecologico che ci sia. Ma non basta. Con i Mondiali di sci alpino di Cortina d’Ampezzo abbiamo lanciato l’hashtag #we2gheter, che esprime la volontà di fare squadra. Un unico slogan, nel segno del promozione del territorio, del rispetto dell’ambiente e della solidarietà”. “I Mondiali di sci alpino e la Prosecco Cycling hanno in comune valori importanti – ha aggiunto Alberto Ghezze, Chief of Sport Departmente della Fondazione Cortina 2021, accompagnato a Villa Sandi da Giorgio Gaspari, responsabile Accreditation e volunteers -. Ci riconosciamo pienamente nei principi che guidano la Prosecco Cycling: la sostenibilità ambientale, l’attenzione per le generazioni che verranno, la capacità di innovare”.