Gio10172019

Aggiornamento:10:18:57

Back Archivio Pista News da ciclismo su strada, amatoriale e fuoristrada 11 giugno 2019

News da ciclismo su strada, amatoriale e fuoristrada 11 giugno 2019

 

 

GRANFONDO CITTA' DI LATINA

Domenica 9 giugno si è celebrata la prima, attesissima edizione della Gran Fondo Città di Latina, che ha impegnato energie, mente e cuore dell’ASD Cyclo Ones, al suo esordio come comitato organizzatore di una manifestazione cicloamatoriale.

Oltre 650 corridori si sono dati appuntamento nel cuore della città laziale per vivere insieme una gara impegnativa, ma che, in virtù del livello di sicurezza e degli scenari di raro fascino, ha raccolto il plauso di tutti, comprese le amministrazioni locali che hanno accolto con entusiasmo il progetto.

Sabato 8 e domenica 9 giugno Latina è stata il teatro del quarto appuntamento del Pedalatium, con l’apertura del Villaggio alla vigilia della kermesse sportiva presso lo Stadio Comunale Domenico Francioni, quartier generale della manifestazione.

L’esercito del pedale che ha scelto di tagliare il nastro della Prima Edizione della gara pontina, ha vissuto emozioni indimenticabili, a partire dal sentito minuto di raccoglimento, prima della partenza, dedicato a tre ciclisti prematuramente scomparsi: Marco Fantozzi, Stefano Capitelli e Maximiliano De Santis con la presenza dei famigliari commossi e dei loro team, rispettivamente BicItaly ASD per Marco, Audax Fiormonti per Stefano e SSD Intent Sport per Maximiliano.

La Partenza delle 8:30 per medio e gran fondo, da Piazza San Marco, adiacente a Piazza del Popolo nel cuore della città, si è svolta nel silenzio composto e rispettoso dei partecipanti, mentre il popolo della Cicloturistica ha ricevuto il via dalla voce dello speaker Daniel Guidi 15 minuti dopo.

A conquistare il gradino più alto del podio sono stati Cristian Nardecchia dell’USC Team Nardecchia con un tempo di 03:28:14 e Claudia Gentili dell’AS Roma Ciclismo in 03:56:34 per il percorso lungo di 143 km e 2200 mt di dislivello, mentre Mattia Taddei del Di Gioia Cycling Team con un tempo di 02:58:14 e Federica Figliola dell’ASD MKG Cycling Team con un tempo di 03:30:16 hanno conquistato il gradino più alto del podio per il medio fondo di 110 km e 1150 mt di dislivello.

La gara, documentata in ogni sua fase da Radiocorsa Capodarco, ha visto da subito un drappello di quattro corridori in fuga: Massenzi, Lanzillo, Nardecchia e Ciervo. Dal 60° km Cristian Nardecchia ha staccato il gruppo e ha proseguito in solitaria fino alla vittoria. “Volevo vincere perché queste sono le mie salite” ha commentato il trionfatore del lungo “ E ci tenevo perché desideravo dedicare questa vittoria a tutti miei amici e parenti, che ringrazio per il sostegno”.

Un commento a caldo, è il caso di dirlo, anche dal vincitore del medio, Mattia Taddei:“Una corsa velocissima. Il caldo poi è stato un nemico, ma la notevole bellezza dei territori attraversati e l’ottima organizzazione hanno aiutato ad affrontare questa impresa che è stata allo stesso tempo molto soddisfacente e dura.”

Si conclude così la prima edizione di una manifestazione che non ha deluso le aspettative. L’organizzazione dell’ASD Cyclo Ones Team, con il prezioso supporto dell’Ing. Alessandro Cifra,degli Sponsor, delle Amministrazioni Locali, in primis il Sindaco di Latina Damiano Coletta, degli oltre 150 addetti alla sicurezza e dei volontari che hanno alacremente lavorato affinché la gara si svolgesse al meglio, ha centrato il bersaglio e questa prima edizione è stata per tutti un inatteso successo di partecipazione.

Di seguito si fornisce l’elenco dei primi classificati. Per le classifiche complete, consultare il sito www.kronoservice.com. mentre le classifiche del Pedalatium verranno pubblicate in un secondo momento sul sito ufficiale del Circuito:

Percorso Lungo Maschile: 1.Nardecchia Cristian USC Team Nardecchia – 2. Ciervo Roberto ASD Team Cicloamatori – 3.Pesciaroli Cesare Di Gioia Cycling Team

Percorso Lungo Femminile: 1. Gentili Claudia AS Roma Ciclismo 2. Vulpiani Fabiola ASD Audax Fiormonti – 3. Rosa Alessandra ASD Iron Bike

Percorso Medio Maschile: 1. Taddei Mattia Di Gioia Cycling Team – 2.Madaluni Luca ASD Team Bike Terracina – 3. Marianeschi Emanuele Di Gioia Cycling Team.

Percorso Medio Femminile: 1. Figliola Federica ASD MKG Cycling Team – 2. Merolle Tamara ASD Linea Oro Bike – 3. Possidente Beatrice Santa Maria delle Mole ASD

Classifica Lui&Lei Lungo: 1. Nardacci&Vulpiani – 2. Giuliani&Rosa

Classifica Lui&Lei Medio: 1.Impemba&Merolle – 2. Italiani&De Franceschi – 3. Leone&Angotti

Classifica Team:

  1. SSD Intent Sport
  2. ASD Aido Avis Latina
  3. ASD Audax Fiormonti

Prossima tappa in calendario, la quinta per l’esattezza del Challenge laziale, sarà la Gran Fondo Anagni Città dei Papi, prevista per domenica 30 giugno, incantevole borgo ciociaro che ha dato i natali a ben 4 Papi nonché, per tutti gli appassionati, al grande Vittorio Nereggi e ad altri grandi nomi del ciclismo nazionale.

Due i percorsi proposti, una cicloturistica di 44,50 km e un dislivello di 495 mt e la Medio Fondo di 106,80 km e 1540 mt di dislivello,

Tutte le informazioni relative alla Gran Fondo Anagni Città dei Papi sono consultabili sul sito ufficiale del circuito al seguente link: https://www.pedalatium.com/g-f-anagni

 

 

CASTELLI 24 H

Castelli24h, l’unica maratona di ciclismo su strada in un circuito cittadino completamente chiuso al traffico, si chiude con la conferma del Team Sanvido come squadra piu forte e con la novità del team Need for Speed cyclinggirls che ha portato in Austria il trofeo femminile, prima volta oltre confine.

In pista quasi 90 team per un totale di oltre 1000 ciclisti e 30 cosiddetti “only one”, cioè ciclisti che hanno pedalato da soli.

Un’edizione importante nella settimana dopo la tappa del Giro d’Italia che, a detta di tutti, ha registrato un pubblico che ricordava l’epoca di Pantani – ha detto Ivan PIOL, presidente del Pedale Feltrino società organizzatrice – molta gente, uno sforzo molto grosso per noi, ma la macchina organizzatrice è stata impeccabile nei tempi e nei modi, ringrazio tutti i volontari che ci hanno aiutati a gestire al meglio tutto.  Lavoreremo per rendere la manifestazione ancora piu spettacolare coinvolgendo campioni dello sport e personaggi che possano attirare ancora piu gente”.

Sui pedali il Sanvido ha chiuso primo con 523 giri cioè 967km alla media dei 40.28km/h, 3 giri piu dei secondi, il team Morotti e 4 giri piu dei terzi, i ragazzi della Nazionale di Short track al loro esordio alla 24ore: “Non avevamo capito che fosse una gara cosi divertente e abbiamo capito bene come funzionava solo in corsa. Il prossimo anno torniamo per vincerla” hanno detto.

Nella classifica delle squadre solo al femminile, dominio assoluto della squadra austriaca Need for speed cyclingirls che ha portato il trofeo per la prima volta oltre confine. Hanno vinto con 445 giri davanti alle Tinly Lady (442) e le Tecnoceramica(435).

In totale sono 74.210 i km percorsi da tutte le squadre e dali only one per un totale di oltre 40.000 passaggi sotto l’arco di arrivo.

Tra i singoli, Only One, vittoria annunciata di Federico Caretta che da solo in 24 ore ha percorso 357 giri per un totale di 660km, alle sue spalle Alessandro Simioni (344 giri) ed Emanuel Scapin (344). Sei le donne in corsa, la piu veloce per il secondo anno è stata Nadia Sgarbossa con 314 giri.

Sui pedali anche il creatore delle formiche, Fabio Vettori che con i suoi disegni ha raccontato il Giro d’Italia e le 21 tappe, tra cui quella di Feltre: “Dopo aver disegnato il ciclismo a Feltre, dovevo venire a dare un po’ di sangue del mio e pedalare anch’io come omaggio a questa città. Alla fine ci siamo divertiti tutti quanti moltissimo”.

E sempre l’eco del Giro è tornato con Simone Lotoro, responsabile commerciale Rcs Sport: “Una settimana fa ero qui in mezzo ad una marea di gente per la tappa del Giro, oggi pedalo con la squadra di Castelli, magari il prossimo anno faremo una squadra Rcs-Giro d’Italia”.

Charity partner dell’evento era la Fondazione Only the Brave di Renzo Rosso che ha voluto pedalare in prima persona assieme ad un gruppo di amici tra cui il comico Paolo Kessisoglu per cercare di fare piu giri possibile. Per ogni giro il Pedale Feltrino e l’azienda Castelli avevano messo in palio 25€ da versare alla Fondazione. Alla fine i giri sono stati 412 valsi un assegno da 10.300€ per Only the Brave la Fondazione che aiuta bambini in situazione di disagio e donne vittime di violenze.

Pedalare la 24 ore non è stato cosi semplice come dicevano, la fatica si è sentita, ma è stata per me una gioia, siamo un bel gruppo di amici poi questo evento in una città cosi bella, un’organizzazione perfetta, è stato tutto bello bello – ha detto il patron di Diesel – Contribuire a fare qualcosa di buono e divertirsi è una cosa bellissima. Ognuno di noi ha l’obbligo di fare qualcosa di socialmente utile, possiamo fare tutti qualcosa di buono per rendere questo mondo migliore, in realtà basta poco, anche un po’ di tempo per dare un contributo per aiutare gli altri”.

Mi iha invito Renzo ed è la prima volta che partecipo ma lo spirito, ho capito che devo andare piu piano, obiettivo è raccogliere fondi per OTB, cerchiamo di aiutarla mettendoci la faccia, la simpatia e la mia fatica sui pedali

Impresa riuscita per l’altro impreditore salito sui pedali per raccogliere fondi per la Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica, Matteo Marzotto: voleva fare 300 giri e ne ha fatti 312 e la famiglia Cremonese ha premiato la sua impresa con una donazione di 10.000€ a favore della Fondazione.

Di supporto a Marzotto c’era un team di campioni come Paolo Bettini, Antonio Rossi, Jury Chechi, Cristian Salvato, Dietmar Nockler, Andrea Peron. “Quest’anno ero piu allenato ma è stata davvero dura – ha raccontato Marzotto – ma pedalavo per una causa importante. Il 5% della popolazione è portatore sano della fibrosi cistica. Noi cerchiamo di allungare e migliorare la qualità della vita di chi è colpito da questa malattia.  L’Italia è un paese meraviglioso, raccoglie circa 5 milioni di euro di donazioni, l’Italia nelle cose serie è un paese unito e fatto di persone straordinarie”.

Vincitori delle classifiche speciali:

Categoria BAR: Bar Alla Stanga – Verniciature bellunesi 515 giri

Categoria STRANIERI: Team Boa 2 (Austria) 509 giri

cat. MISTO (3 donne): Energiapura 478 giri

cat. Tutti tesserati con la stessa società: Asd Colorificio Sant’Eufemia 507

Gli atleti che hanno fatto più giri in assoluto sono stati Alex De Bastiani con 115 giri (212km) cui è andato il premio Luca Zambenedetti e Rachele Sonnino con 101 giri (186km) cui è andato il premio Giovanna Emanuelli.

 

 

CROSS COUNTRY MTB NOTTURNA OFFIDA

E' conto alla rovescia per il Cross Country Mtb Notturna Offida, edizione numero 2, che sarà organizzato il 15 giugno dall’Asd Bicigustando in collaborazione con la Sca Offida e con la locale Pro Loco e che sarà prova della Conero Cup.

La gara, che si svolgerà appunto in notturna, si snoderà lungo le strade della bellissima e suggestiva città di Offida. Ritrovo alle ore 18 in Piazza del Popolo, riunione tecnica alle ore 19 e poi prima partenza alle ore 19.30 (esordienti, donne esordienti, allievi e donne allieve) e alle ore 20.30 la seconda (juniores, open donne, junior, senior 1 e 2, veterani 1 e 2, gentlemen 1 e 2 e supergentlemen).

Previsti pacco gara e pasta partyPer gli agonisti (contributo di 5 euro per i servizi) premiazioni per i primi cinque di categoria, mentre per le categorie amatoriali, per cui l’iscrizione sarà di 23 euro, ci saranno premiazioni per i primi tre classificati.

Casco e luci sulle bici obbligatoriPer info e iscrizioni: 0735-591154 oppure www.granfondosanbenedettodeltronto.it.

 

FERALPI MONTECLARENSE

Quello che precede di due settimane i Campionati Lombardi su strada Esordienti (23 giugno) è stato un week end di buoni risultati per la Feralpi Monteclarense. In primo piano proprio la formazione Esordienti diretta da Pietro Bregoli, che in quel di Novi di Modena hanno sfiorato il successo con Marco Baldan e Nicolò Rovizzi, secondo e terzo classificato rispettivamente tra gli atleti di primo anno . Decima piazza per Michele Bicelli. I due ragazzi della Feralpi si sono visti battere dal campione emiliano Franco Cazzarò nello sprint finale a ranghi compatti. A Bedizzole, nella giornata Rosa-Azzurra, hanno gareggiato gli juniores di Tiziano Gozio con Andrea Bollini e Giuseppe Perino che portano a termine la prova in ottava e in decima posizione. Piazzamenti anche per gli allievi nel Gran Premio San Gottardo di Fiesse dove Matteo Frosio ottiene un buon sesto posto davanti al compagno di squadra Andrea Cocca (settimo).

 

 

PEDALE ELETTRICO

È nel caldo Salento che il Pedale Elettrico festeggia una vittoria davvero speciale. Il 4° Trofeo Amici del Velodromo, quest'anno dedicato alla memoria di Antonio Ripa, disputato a Martignano su uno spettacolare circuito cittadino di 6,5 km ha vinto alla grande Francesco Curto, al suo primo successo con la maglia dalla saetta bianco-blu. Anticipando la folta volata generale ha chiuso la sua prova in 1h36’26”, una gara a tutto cuore per il leccese del Pedale Elettrico, mentre ad Ugento, solo sette giorni prima Francesco Curto era giunto 3° assoluto. Una prova generale che ben lasciava intendere. Tanti sorrisi anche nell’ormai consueto settore femminile, che si impreziosisce del successo di Azzurra D’Intino a Francavilla a Mare (CH) nella Gran Fondo “Michettiana”, risultato che bissa la vittoria della stessa Azzurra la scorsa domenica alla Straducale di Urbino. Soddisfazioni anche dal fuoristrada, con la prima vittoria di Rossella Di Nunno che giunge dalla terra lucana di Oppido, in pieno territorio di caccia del Pedale Elettrico. Per lei prestazione maiuscola nella Marathon MTB del Bicinpuglia. Senza dimenticare che domenica scorsa, sul Vulture, il podio era stato quasi addirittura monocolore Pedale Elettrico, con il 1° posto di Caterina Bello, il 3° di Rosa Colasuono e il 4° di Rossella Di Nunno.