Sab07202019

Aggiornamento:08:11:07

Back Sport e Medicina Preparazione La Carnitina: un aiuto per smaltire le golosità Natalizie

La Carnitina: un aiuto per smaltire le golosità Natalizie

 

 

Il Natale è un momento festoso per tutti e anche per noi bikers. Anche se il momento di crisi ci propone delle festività più austere e sobrie rimangono comunque in agguato, per noi bikers, dei pericoli che prendono il nome di panettone, pandoro, mandorlato, cenone o pranzo natalizio, aperitivo, grappino e chi più ne ha più ne metta, che potrebbero farci ritrovare a inizio anno con qualche chiletto in più!

Quindi? Quindi dobbiamo operare su più fronti. Tentare di limitare i danni durante le feste, anche se una fetta di panettone non la si può rifiutare, ma soprattutto sfruttare in modo pertinente quegli allenamenti a fondo lento, i cosiddetti 'lunghi', per bruciare grassi nel maggior numero possibile.

Un aiuto ci viene dall'integrazione alimentare a base di Carnitina, un aminoacido che il corpo usa per migliorare l'utilizzo dei grassi a scopo energetico. La carnitina esiste in diverse forme tra le quali quella biologicamente attiva e generalmente utilizzata come integratore alimentare è la L-carnitina. La carnitina è un composto naturale che si trova in alimenti ricchi di proteine ​​e che viene sintetizzato anche nel cervello, nel fegato e nei reni tramite vari processi biochimici che coinvolgono gli aminoacidi lisina e metionina.

La sua funzione è quella di convertire gli acidi grassi in energia e perciò gli integratori a base di carnitina, per dimagrire e affrontare una san aattività fisica con più energia, sono validissimi. Tra l'altro, chi ha problemi di peso non troppo di rado evidenzia proprio una carenza di carnitina. Ma vediamo più nello specificoin che modo agisce la carnitina per dimagrire. La carnitina velocizza il metabolismo L'energia di cui ha bisogno il nostro organismo per le sue funzioni vitali viene prodotta all'interno di organelli cellulari chiamati mitocondri. Per adempiere alla loro funzione, i mitocondri hanno bisogno di trasportatori che portino a loro gli zuccheri e i grassi necessari a produrre energia.

I trasportatori di grasso sono le molecole di carnitina. Se non ci fossero queste, i mitocondri non potrebbero bruciare gli acidi grassi. La carnitina ottimizza le prestazioni fisiche Molti programmi di dimagrimento si basano, oltre che su una corretta alimentazione, anche su un'attività fisica intensa che, in quanto tale, richiede spirito di sacrificio supportato da forti motivazioni e tanta energia.

Accelerando il metabolismo e quindi la produzione di energia, la carnitina migliora le prestazioni, la concentrazione e la velocità di recupero del muscolo dall'affaticamento, il che si ripercuote molto positivamente sulla propensione all'allenamento frequente e intenso. La carnitina aiuta ad assottigliare l'addome Il grasso viscerale (o grasso addominale) è la parte di tessuto adiposo concentrata all'interno della cavità addominale e distribuita anche sulla superficie degli organi interni. Oltre a essere potenzialmente dannoso per gli organi, questo grasso non è per niente facile da smaltire per chi è obeso anche a distanza di mesi dall'inizio del proprio programma di dimagrimento.

Gli integratori a base di carnitina danno una grande mano in tal senso, andando a rastrellare anche dalla superficie degli organi il grasso viscerale resistente che poi sarà destinato a essere bruciato nei mitocondri. Effetti indesideratidella carnitina Chi intende usare la carnitina per dimagrire sarà contento di sapere che gli integratori di carnitina sono tra i più sani e sicuri che ci siano. Solo un uso eccessivo di carnitina può provocare effetti collaterali e questi si limitano a episodi di vomito, nausea, diarrea e crampi addominali di natura rara, lieve e transitoria.

A cura di: Dott.Luigi Ferritto Dipartimento di Medicina Interna, Unità di FisiopatologiaRespiratoria, Clinica 'Athena' Villa dei Pini di Piedimonte Matese (CE)