Mer08122020

Aggiornamento:09:34:27

Back Strada Ceresa e Fissore non sbagliano la prima del Coppi d'Estate

Ceresa e Fissore non sbagliano la prima del Coppi d'Estate

Appena finito il Coppi D’inverno  e premiati i vincitori del primo challange dopo dieci prove con maglie di prestigio, si ricomincia  con quello Estivo per accontentare più concorrenti e non vincolarli per tutta una stagione. Si finirà a settembre, dopo una pausa ad Agosto.

 

Un centinaio i partecipanti divisi nelle due solite partenze regolamentari. Gentleman e super la prima ( mancano le donne ): partenza veloce,già al primo giro sono in quattro, i due fratelli Bungaro ( Adriano e Antonio) con Alparone e Gecchele, il gruppo sembra impazzit  ,tutto sgranato e in fila indiana con dei vuoti, ma poco dopo ritorna la calma. I quattro fanno seriamente e il distacco aumenta , il Miccoli Sport non ci sta, incominciano Mazzarini e Panepinto con scatti a ripetizione e dopo tre giri Cinato solitario. Ci provano Gaule, Peruzzo e Mazzarini seguiti da Merenda e Miccoli, esce Ceresa e raggiunge Cinato e con un inseguimento spettacolare dopo una decina di chilometri avviene il ricongiungimento con i quattro. Brutta situazione con il veloce Alparone come compagno, così Ceresa con Bungaro Adriano lasciano la compagnia: arrivo a due senza storia, Ceresa stacca Bungaro e arriva a mani al cielo. Alparone  regola per il podio Cinato, Bungaro Antonio e Gecchele. Arrivano altri quattro: Calvetti su Facciolo, Ercole e Note. Altra quaterna : Chiesa (primo super A) su De Poli, Moracchiato e Bruno (primo Super B). Il grosso è regolato da Gaule su Mosole , Sbodio e il resto del gruppo.

Seconda partenza , una cinquantina , al secondo giro la fuga sono in cinque raggiunti da altri nove: i quattordici non vengono più ripresi, il gruppo non reagisce. I fuggitivi sono in troppi e non vanno più d’accordo: in quattro Canino Rosario, Allasia, Fissore e Daghero prendono il largo e spingono a pieni pedali, troppo, perché negli ultimi giri doppiano il gruppo e in finale anche gli altri dieci saltano il grosso, che finisce la gara con in giro di meno. Volata a quattro e Fissore Sergio della Olmo la Biciclissima batte Canino Rosario, Allasia e Daghero. Arrivano gli altri fuggitivi di giornata con D’Apollo su Giuliano, Busi, Cirasola, Previgliano, Ribaldi, Ragusa, Caporali, Marengo e Roda nell’ordine. Arriva distanziato un gruppo di quattro che inseguivano i fuggitivi e che non sono stati doppiati, sono Tralli, Maestrini, Meinardi e Baracco. Da rilevare la caduta di Panepinto (scoppiata la gomma), ricoverato per  accertamenti anche se non sembra niente di serio, la gara dei giovani un’altra caduta per disattenzione da parte di Russo, anche per lui qualche abrasione ma nulla più.