Ven05242019

Aggiornamento:04:22:20

Back Archivio Pista Progetto Ciclismo Piceno: la bicicletta al centro dell’attività per la stagione 2019

Progetto Ciclismo Piceno: la bicicletta al centro dell’attività per la stagione 2019

 

 

Il 2019 è iniziato per il Progetto Ciclismo Piceno e contestualmente per la Scuola di Ciclismo Primi Raggi.

Un programma ricco ed articolato che vuole mettere al centro uno stile di vita sostenibile e rispettoso con l’obiettivo di avvicinare alla pratica del ciclismo dei giovanissimi tra i 5 e i 15 anni formando un atleta completo e consapevole delle proprie capacità motorie e sportive.

La guida del progetto è affidata a Fabrizio Michelini che segue e coordina molteplici attività nelle scuole ed anche nell’entroterra piceno ancora segnato dal sisma del 2016 stimolando i bambini della zona ad innamorarsi dello sport e della bicicletta.

L’esperienza maturata negli ultimi 3 anni ha permesso al Progetto Ciclismo Piceno di scoprire come nel territorio piceno i giovani si approcciano alla bicicletta grazie ai progetti legati al cicloturismo, Pinocchio in Bicicletta, Primi Raggi e Arquata Superbike.

Se sul fronte progettuale, il sodalizio piceno ha iniziato a fare notevoli passi avanti stringendo anche una solida partnership con la Granfondo Nove Colli, il settore giovanile agonistico ha appena terminato la stagione del ciclocross grazie al talentuoso Denis Tanushi con il secondo posto nella classifica finale dell’Adriatico Cross Tour e nella conquista del campionato regionale FCI Marche tra gli allievi di secondo anno in attesa di farsi le ossa con la OP Bike Porto Sant’Elpidio tra qualche mese con la nuova casacca per la stagione 2019. Sempre nel ciclocross ha riscosso successo la manifestazione che si è svolta pochi giorni prima di Natale presso la zona industriale di Ascoli Piceno (ex Area Zannoni) con l’obiettivo di diventare un appuntamento fisso della stagione invernale.

Poter lavorare al servizio dei giovani e metterli nelle condizioni di farli divertire in bicicletta, prima che diventino dei futuri campioni – spiega Fabrizio Michelini -, è una scommessa che vogliamo portare avanti con la nostra passione e con la bontà del lavoro svolto in pochissimi anni”.