Sab06252022

Aggiornamento:11:56:17

Back Archivio Vetrina - Eventi Riccione teatro di formazione e confronto per i Giudici di Gara Nazionali e Scorte Tecniche

Riccione teatro di formazione e confronto per i Giudici di Gara Nazionali e Scorte Tecniche

 

 

E’ iniziato mercoledì 7 fino a sabato 10 dicembre il Corso di Formazione multidisciplinare dedicato ai Giudici di Gara per l’acquisizione della qualifica a giudice nazionale e realizzato in collaborazione con il Centro Studi federale e la Commissione Nazionale federale di riferimento.

Quattro giorni di lavoro intensi, presso l’Hotel Mediterraneo a Riccione, a cui sono stati ammessi ben 23 candidati di cui 12 donne che, nell’entusiasmo, sono state accolte dal saluto inaugurale del corso realizzato dal Vice Presidente Vicario, Daniela Isetti a cui ha fatto seguito il benvenuto da parte di Antonio Pagliara, Presidente della commissione (CNGG). Insomma, sempre più “quote rosa” e partecipazione femminile nel ciclismo e nei ruoli più disparati che richiedono competenza e preparazione oltre che dedizione.

Il corso prevede infatti l’analisi approfondita dello statuto FCI e dell’ente internazionale, UCI oltre ad una radiografia impeccabile delle normative, del controllo tecnico, della sicurezza, del mezzo bici e del suo equipaggiamento in ogni disciplina: dalla strada alla pista, dal fuoristrada al ciclocross passando per l’handbike e le varie tipologie di corse.

Il focus conclusivo è, naturalmente, l’esame finale, scritto e orale, in programma sabato 10 dicembre, a cui i 23 candidati e aspiranti Giudici di Gara Nazionali si sottoporranno grazie alla presenza di una Commissione Esaminatrice.

In concomitanza, sabato 10 dicembre nello stesso Hotel, si svolgerà, per il secondo anno consecutivo e sulla scia del successo dello scorso anno, l’incontro con i rappresentanti dei gruppi delle Scorte Tecniche.

L’ottima esperienza dello scorso anno che ha visto una partecipazione attenta, è stata di nuovo riproposta anche quest’anno associando una parte più “didattica” ad una che si basa sull’aspetto empirico riferito alle Scorte Tecniche e alle situazioni, anche conflittuali, che si possono verificare. La conclusione dei lavori vedrà una tavola rotonda aperta al confronto, al dialogo e alla messa a fuoco delle eventuali criticità affrontate durante l’incontro.