Dom08092020

Aggiornamento:11:06:45

Notizie

Mirko Celestino testimonial Off Road d'eccezione su Sport Week

Sarnico (BG) – La troupe giornalistica della Gazzetta dello Sport si è presentata qualche settimana fa, puntuale come previsto, alla porta di casa del numero uno del ranking mondiale di mountain bike. Non si tratta di un campione crociato, non un transalpino e nemmeno di un latino. Stiamo parlando di un campione tricolore, fresco fresco, italiano a tutti gli effetti, di Andora (Savona), proveniente dal mondo professionistico della strada ma che salendo in sella ad una mtb, in pochi anni, ha saputo fare breccia nei cuori di tanti appassionati vicini al mondo delle ruote artigliate.

Graziano Verdini primo tricolore in casa Melania Omm Ares Modì

Catania - Graziano Verdini (Melania Omm Ares Modì) è il nuovo campione italiano della categoria M7. Il ciclista marchigiano si è reso protagonista di una gara votata all'attacco che lo ha visto nel finale lancarsi in fuga con altri due ciclisti e cogliere il titolo tricolore.

A Biella grande sport europeo. Show ai campionati di Trials

Biella è sul tetto d’Europa con i Campionati Europei di Trials, per la prima volta nella storia ospitati in Italia.

Zeno Zani presenta le pedivelle autoaccelleranti Zencranks: "Più potenza e meno fatica"

Cesena – “Sono alla ricerca di un corridore professionista o dilettante di media o elevata statura disponibile ad affrontare la sfida del Record dell’Ora con l’ausilio delle mie pedivelle potenziate autoaccelleranti Uci compatibili”. Questa l’ennesima sfida che lancia il medico sportivo cesenate Zeno Zani ideatore delle Zencranks, pediville potenziate autoaccelleranti. Per informazioni consultare il sito: www.zanizeno.com

Il successo organizzativo della gara serale dedicata a Mario e Fiorino Ponti

Castelseprio (Va) - Quando le previsioni danno scrosci sparsi, là dove si corre, l’acqua arriva di sicuro, così è stato a Castelseprio nella gara serale di Fabrizio Ponti, il vice sindaco di Castelseprio, nonché titolare della ceramiche “Favinca”, la rinomata azienda a conduzione familiare che produce porcellane di pregio che hanno arricchito il monte premi, e non è un caso se poco meno di due centurie di atleti hanno risposto all’appello incuranti delle nuvolette maligne che purtroppo hanno condizionato la seconda gara, quella dei cadetti junior, senior e veterani.