Mer10202021

Aggiornamento:08:46:09

Back Strada Gare Internazionale Juniores: Pinarello fa suo il Trofeo Buffoni

Internazionale Juniores: Pinarello fa suo il Trofeo Buffoni

Alessandro Pinarello Il Vincitore

La data ideale per il Trofeo Buffoni 2021, subito dopo i Campionati Europei in Trentino e prima dei Mondiali che si apriranno domenica in Belgio. Un posto di eccellenza nel calendario che la classica internazionale con ritrovo a Forte dei Marmi (quest’anno quartier generale la splendida Villa Bertelli) merita ampiamente. A dare ulteriore lustro alla gara il successo dell’azzurro veneto Alessandro Pinarello che sul traguardo in leggera salita nei pressi di Villa Schiff ha regolato il bravissimo compagno di fuga l’inglese Pickering. In terza posizione uno dei due iridati presenti alla gara Igor Dario Belletta, quindi il bravissimo toscano della Casano Matec, Crescioli. La gara dopo una fuga di sette corridori nella prima parte si è accesa con il passare dei chilometri e la selezione è stata impietosa. In grande evidenza sono saliti alla ribalta anche i maggiori favoriti con i due campioni del mondo su pista Belletta e Bonetto, con Crescioli e Pinarello apparso in grandi condizioni. All’inizio del sesto passaggio sulla Fortezza sette al comando e qui nasceva l’azione decisiva di Pinarello e Pickering che transitavano al gran premio della montagna con 15” di vantaggio che raddoppiavano al traguardo. In volata Pinarello rimontava ai cento metri finali l’inglese ed andava a cogliere il quinto successo stagionale e sicuramente il più prestigioso. Brillante la prova di Belletta reduce dalla vittoria del giorno prima in provincia di Novara e del toscano Crescioli uno dei favoriti giunto quarto. Il via ufficiale ai 164 atleti di 41 squadre, dal monumento alla Linea Gotica a Cinquale di Montignoso dopo una breve cerimonia, le note del “silenzio” la consegna del premio fedeltà al c.t. della nazionale juniores Rino De Candido e la benedizione. Sul “Circuito della Versilia” il primo tratto velocissimo della corsa con il toscano Boschi che ha vinto la speciale classifica dei traguardi, poi la corsa si infiammava ed era un altro spettacolo con tanta gente e la perfetta regia del G.C. Buffoni.

Antonio Mannori

ORDINE DI ARRIVO: 1) Alessandro Pinarello (Borgo Molino Rinascita Ormelle) Km 135,400 alla media di Km 38,995, 2) Finlay Pickering (Fensham Howes Mas Design) a 4”; 3) Dario Igor Belletta (Gb Junior Team) a 45”; 4) Ludovico Crescioli (Casano); 5)Giulio Pellizzari (U.C.Foligno); 6)Pietro Mattio (Vigor-Cycling Team); 7) Maksym Varenyk (Cps Professional Team); 8)Samuele Bonetto (U.C. Giorgione); 9)Riccardo Ricci (Nazionale Italia) a 1’; 10)Luca Bagnara (Reda Mokador-Pedale Chiaravallese) a 1ì03”.

 

 

Il Trofeo Buffoni numero 52 ha incoronato quest'oggi Alessandro Pinarello: la gara internazionale più importante e prestigiosa del calendario juniores ha premiato gli sforzi del ragazzo della Borgo Molino Rinascita Ormelle capace di fare la differenza in salita e di battere allo sprint il rivale britannico, Finley Pickering (Fensham Howes). Una gara condotta con grande attenzione da tutti i ragazzi diretti da Christian Pavanello e Carlo Merenti che hanno supportato al meglio un Alessandro Pinarello in grande spolvero che ha potuto così festeggiare la sua quinta affermazione stagionale a cui vanno sommati poi i successi centrati con i compagni di squadra nelle prove contro il tempo. "Dopo le critiche ricevute per il Campionato Europeo, Alessandro e tutta la squadra hanno reagito nel migliore dei modi dimostrando tutto il proprio valore alla prima occasione internazionale" ha sottolineato il Presidente Pietro Nardin. "Sono felice che Alessandro abbia dimostrato ciò di cui è capace in una gara prestigiosa e importante come il Trofeo Buffoni al cospetto di tutti i migliori talenti della categoria. Una vittoria che ci riempie il cuore di gioia e di soddisfazione e che conferma la bontà del lavoro svolto in questi mesi da tutto il nostro staff per la crescita e la maturazione di questi ragazzi". La giornata della Borgo Molino Rinascita Ormelle si era aperta con il secondo posto centrato a San Pietro al Natisone (Pn) da Alberto Bruttomesso a cui si era aggiunto anche il decimo posto di Vladimir Milosevic.