Gio04182024

Aggiornamento:01:46:20

MTB

Oltre 120 biker all'ombra della Reggia

A Venaria Reale, nonostante gli intensi temporali che per tutto il pomeriggio infieriscono sulla provincia torinese, l’attività è in pieno fermento per la preparazione del percorso della Royal Race. La gara, valida come seconda prova del Master Cup Staffette 2013 e come prima prova del Fast Change, è stata spostata nel centro pedonale di Venaria per un maggior spettacolo e il divertimento dei bikers: la partenza in piazza dell’Annunziata, un tratto in via Mensa e poi ci si sposta nei vicoli adiacenti tra le balle di fieno sapientemente posizionate per la sicurezza degli atleti per raggiungere piazza della Repubblica ed inoltrarsi nella Reggia aggirando gli zampilli colorati della fontana sullo sfondo quasi incantato delle vette alpine illuminate dal tardo sole pomeridiano in pieno contrasto con le scure nubi che ancora incombono. Ed infine si torna sui propri passi tra vicoli e tratti in via Mensa per raggiungere il traguardo posizionato in piazza dell’Annunziata, immersa nella musica.

Aperte le iscrizioni alla Lessinia Legend

A settembre (da venerdì 13 a domenica 15) la Lessinia Legend XCS Enduro vi stupirà: l’avvincente sfida a tappe di fine estate sta predisponendo un weekend da sogno tra splendidi paesaggi e quotidiana passione per la mountainbike. Venerdì 13 settembre inizia questa grande avventura a tappe con la Lessinia Legend Up Hill: il percorso si articola tra San Martino Buon Albergo e Velo Veronese comprendendo tre salite cronometrate. In questo caso la partecipazione è consentita solamente agli iscritti alla Lessinia Legend Xcs Enduro. Il secondo giorno (sabato 14 settembre) trascorrerà all’insegna della point to point con la Lessinia Legend Classic di circa 50 chilometri da trascorrere immersi nel fascino dell’Alta Lessinia. Mentre il terzo giorno (domenica 15 settembre) sarà la volta della disciplina “enduro” con la Lessinia Legend Enduro Race che riporterà i bikers da Velo Veronese a San Martino Buon Albergo. Ovviamente la classifica generale che comprende tutti e tre i giorni di gara sarà accessibile unicamente a chi sceglie l’iscrizione all’intera manifestazione (Lessinia Legend Xcs Enduro). Esiste anche la possibilità di partecipare unicamente alla seconda o alla terza tappa (o a entrambe), ed in questo caso la classifica di riferimento sarà quella relativa a ciascuna singola giornata.

La Lessinia Legend Xcs Enduro apre le iscrizioni: a partire dallo scorso lunedì 20 maggio è possibile conquistare un posto in griglia per la tre giorni ad alta densità di emozioni, creata per i veri amanti delle ruote grasse. Il comitato organizzatore del Lessinia Sport Eventi comunica che le iscrizioni si chiuderanno al raggiungimento della soglia dei 300 iscritti, o comunque alle ore 24 di martedì 10 settembre. Modalità di iscrizione in totale semplicità: compilare l’apposito modulo d’iscrizione sul sito www.lessinialegend.it ed inviare la ricevuta di pagamento della quota (3 giorni) di 120 euro. Con la detta iscrizione si ha diritto al “kit race” contenente pass personale e numero di gara, road book completo di mappe, omaggi e articoli tecnici in generale. Da sottolineare che l’iscrizione dà diritto anche al parcheggio gratuito a San Martino Buon Albergo, nonché ad assistenza sanitaria e soccorso medico, copertura assicurativa per l’intera durata della gara e ristoro al traguardo di ogni tappa. Fondamentale il servizio di trasporto bagagli dalla partenza (San Martino Buon Albergo) alla struttura di alloggio (Velo Veronese) nel primo giorno e dalla struttura di alloggio (Velo Veronese) all’arrivo (San Martino Buon Albergo) nel secondo giorno. Comprese nella tassa d’iscrizione anche la cena completa dell primo giorno (primo, secondo, dolce, bevanda) con evento spettacolo serale, la cena completa del secondo giorno (primo, secondo, dolce, bevanda) con spettacolo serale ed il pasta party l'ultimo giorno.

 

Per informazioni: www.lessinialegend.it

 

Fabia Sartori – Ufficio Stampa

 

 

Serenissima Coppa Veneto: le maglie di leader

GALLIO (VI) – Nonostante le bizze del meteo, che ha costretto gli organizzatori a rivedere e rinnovare il percorso per evitare di incontrare la neve caduta nelle ultime settimane, la Granfondo dei Cimbri spegne con successo la sua 14esima candelina. La Serenissima Coppa Veneto Zerowind porta, quindi, a conclusione la sua quinta tappa: rispetto ai sette appuntamenti previsti ad inizio stagione, è stata inevitabile una riduzione a sei a causa dell’annullamento per alluvione della Divinus Bike Clivus. A festeggiare sul traguardo “cimbro” è stata l’esperienza del capitano del GS Cicli Olympia Marzio Deho, che mette in saccoccia la sua 314esima vittoria in carriera. Al femminile trionfano cuore e passione della trentina Lorenza Menapace (Titici Lgl Pro Team), che al termine di un periodo di difficoltà fisiche ritrova il primo gradino del podio. Ma a fare festa all’arrivo non sono stati solamente i dominatori assoluti e di categoria: tutti i bikers che si sono schierati in griglia di partenza (circa 600) hanno accolto con favore la giornata di festa e sport ben orchestrata dal comitato organizzatore del Gruppo ciclistico Altopiano di Asiago. A partire dal percorso modificato che non ha perso in chilometraggio o dislivello (40 chilometri con 1200 metri di dislivello) né tantomeno in fascino o divertimento attraverso sterrati e single track che sono stati protagonisti della Grande Guerra.

Il video del percorso La Terre Rosse Gf Montello

La Terre Rosse – Granfondo del Montello continua a far parlare di sé: dopo la novità della Rudy Project Relay Marathon, dopo il ricco pacco gara e dopo l’ufficializzazione del tracciato XC permanente, ora il comitato organizzatore di Pedali di Marca svela i segreti del percorso con il secondo trailer dell’evento. Un percorso velocissimo ed entusiasmante da percorrere tutto d’un fiato, sfrecciando nei caratteristici single track del Montello tra dossi, sponde e paraboliche per trenta chilometri e 950 metri di dislivello a giro, da affrontare per una, due o tre volte a seconda che si gareggi come Hobby, Master o Open. Quasi metà percorso si snoderà su sentieri, mentre tre saranno le salite principali dell’anello: la prima (Val La Padovana) sarà posizionata subito dopo il via a sgranare il gruppo consentendo a tutti di affrontare con sicurezza e divertimento i successivi settori nel bosco. Più breve sarà invece l’arrampicata sulla Presa 8, dopo la quale un lunga serie di saliscendi condurrà fino a Santa Maria della Vittoria, punto più alto della corsa.

Lugagnano incorona Marco Aurelio Fontana

Che fosse determinato lo si era visto prima della gara, ma oggi Marco Aurelio Fontana ha dimostrato di avere la cosiddetta marcia in più fin dalle prime pedalate della Scott Valdarda Bike 2013 a Lugagnano (PC), valida come penultima prova degli Internazionali d’Italia Series. Alla fine la vittoria è arrivata, davanti allo spagnolo Gutierrez e all’altro azzurro Andrea Tiberi, staccati di oltre un minuto il primo, e di oltre due minuti il secondo. Al femminile, il successo è stato per l’altra campionessa italiana XC in carica – come Fontana – Eva Lechner, a cui è bastato il primo dei cinque giri previsti per mettere in chiaro chi fosse la più forte. Risultato, prima l’altoatesina, seconda la messicana Daniela Campuzano e terza Serena Calvetti.